In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Assessore dà la casa ai profughi, sospesa dal sindaco

Faggion: «Ho offerto un tetto a 15 migranti e il sindaco di Selvazzano mi ha punito. Sono iscritta alla Lega, ma lo rifarei»

Alice Ferretti
2 minuti di lettura
Daniela Faggion e alcuni profughi nella casa di via Cave  

PADOVA. «Cacciata dalla giunta perché ho data casa ai profughi». Questa l’accusa dell’ormai ex assessore del Comune di Selvazzano, appartenente alla Lega Nord, Daniela Faggion, che racconta delusa di essere stata estromessa dall’amministrazione comunale per aver messo a disposizione dei profughi un immobile di sua proprietà.

Da martedì 9 giugno, infatti, nella palazzina di via delle Cave 11 a Padova di proprietà dell’ex assessore all’Immigrazione di Selvazzano vivono 15 profughi africani arrivati da poco in città. Faggion ha, infatti, affittato tutti gli appartamenti del condominio alla cooperativa Populus, una delle tante a gestire l’emergenza profughi. Il fatto da subito ha scatenato perplessità e malumori tra i vicini e, in particolare, nel titolare dell’agenzia immobiliare che si trova al secondo piano del civico 11 e che ha manifestato la volontà di andarsene in seguito all’arrivo dei 15 africani.

Non sono mancate le polemiche politiche con lo scarica barile tra Lega Nord e tosiani sull’appartenenza politica dell’ex assessore. Lunedì sera, nel frattempo, a Faggion sono state ritirate le deleghe. «Io sono iscritta alla Lega Nord», sottolinea. «Lunedì sera, prima della giunta, sono stata convocata dal sindaco che mi ha annunciato la mia sospensione dall’incarico di assessore. Quando sono arrivata ho visto gli altri assessori con dei musi lunghi come se avessi ucciso qualcuno, poi ho capito».

Quanto alle spiegazioni date dal sindaco di Selvazzano, Enoch Soranzo, Faggion aggiunge: «Mi ha dato due motivi. Il primo perché a gennaio non avrei rinnovato la tessera della Lega e quindi non risulterei più tra i sostenitori, il secondo perché ho dato una mia proprietà ai profughi». Ma la Faggion è convinta che in realtà il motivo del suo allontanamento sia solo uno: quello di aver affittato ai profughi. «Innanzitutto voglio specificare che la mia tessera da sostenitrice della Lega Nord va rinnovata a settembre e non il primo gennaio, quindi non è ancora scaduta. E anche se lo fosse, non è assolutamente un motivo valido per sospendermi», dice l’ex assessore. «L’unico motivo che ha portato al mio allontanamento è l’aver dato una mia proprietà ai profughi».

La reazione della Faggion alle parole del sindaco non è stata di pentimento. «Gli ho detto che sono contenta della mia scelta e che la rifarei mille volte. Non ho neanche potuto partecipare alla giunta perché il sindaco mi ha consigliato di andarmene visto che non ero più ben vista dai membri della giunta».

Faggion dice di non comprendere la scelta dell’amministrazione. «Non ho affittato un immobile a Selvazzano per cui devo rendere conto alla giunta di Selvazzano, ho affittato un immobile a Padova, perciò non capisco perché sia nata tutta questa confusione e perché ce l’abbiano tanto con me. La cosa mi sembra molto strana, con Selvazzano e il mio lavoro questo fatto non c’entra nulla», prosegue l’ex assessore. «Certo è vero che ho la delega all’immigrazione ma non ho mai fatto niente in quest’ambito, ho piuttosto lavorato sempre per quel che riguarda i parchi, le piste ciclabili, gli arredi urbani» prosegue l’ex assessore.

«I miei appartamenti del condominio di via delle Cave erano in affitto da tempo e un’agenzia mi ha proposto di darli alla cooperativa Populus, alla quale, proprio perché parliamo di un fine solidale, ho affittato a prezzi quasi stracciati», conclude Daniela Faggion. «Devo essere sincera, sono contentissima di quello che ho fatto anche perché questi ragazzi africani si stanno comportando in modo davvero impeccabile».

I commenti dei lettori