Alcott prima di “Piccole donne” Esce un inedito giovanile

TORINO. L’autrice che più di tutti ha insegnato a generazioni di ragazzine il piacere della lettura torna con un testo inedito tradotto per la prima volta in Italia. È “L’eredità”, scritto a...

TORINO. L’autrice che più di tutti ha insegnato a generazioni di ragazzine il piacere della lettura torna con un testo inedito tradotto per la prima volta in Italia. È “L’eredità”, scritto a diciassette anni da Louisa May Alcott, autrice di “Piccole donne”, e pubblicato anche in America solo negli anni Novanta. Uno scritto giovanile semplice e a tratti acerbo, ma sicuramente un piccolo gioiello per capire da dove sono partite la creazione di Jo March e la prosa della sua amatissima scrittrice. Il testo è pubblicato da “Jo March”, la casa editrice umbra che prende il nome dalla protagonista di “Piccole donne”.

Il testo è stato ritrovato all’Università di Harvard alla Houghton Library: i ricercatori Joel Myerson e Daniel Shealy si sono imbattuti nella scheda che rimandava a questo testo mentre cercavano tutt’altro. Era in un taccuino rosso, delle dimensioni di un diario, con attaccato un cartoncino con su scritto: «Il mio primo romanzo, scritto a diciassette anni. High St. Boston». La storia è quella di Edith Adelon, povera orfana di origini italiane, accolta e allevata dalla nobile famiglia inglese degli Hamilton, presso i quali diviene istitutrice e poi compagna della giovane Lady Amy. Una lunga lettera svelerà alla ragazza il mistero della sua nascita.

Vellutata di asparagi al latte di cocco

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi