Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Ordinanza per sgombrare stabile in via Confalonieri

Saia annuncia: «I proprietari hanno due settimane per mettere a norma trenta alloggi in cui vivono spacciatori e sfruttatori, sennò interveniamo noi»

«Il Pd ha governato la città per 20 anni negando che a Padova esistesse un problema legato al degrado e all’insicurezza. Oggi si contraddice». La risposta alle accuse piovute dal Pd sull’amministrazione, è dell’assessore alla sicurezza Maurizio Saia, che annuncia anche l’ordinanza per il ripristino delle norme igienico-sanitarie di un palazzo Confalonieri.

L’accusa. «Oggi il Pd dice che nulla è cambiato e ci rimprovera di non aver risolto, in pochi mesi, i disastri di cui è responsabile. Chi ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

«Il Pd ha governato la città per 20 anni negando che a Padova esistesse un problema legato al degrado e all’insicurezza. Oggi si contraddice». La risposta alle accuse piovute dal Pd sull’amministrazione, è dell’assessore alla sicurezza Maurizio Saia, che annuncia anche l’ordinanza per il ripristino delle norme igienico-sanitarie di un palazzo Confalonieri.

L’accusa. «Oggi il Pd dice che nulla è cambiato e ci rimprovera di non aver risolto, in pochi mesi, i disastri di cui è responsabile. Chi ha sparpagliato in tutta la città gli extracomunitari che occupavano le palazzine di via Anelli, assegnando case popolari che dovevano essere abitate dai padovani? Chi ha confuso solidarietà con permissivismo? Chi ha realizzato il campo nomadi di via Longhin? Chi ha tollerato il campo nomadi di via Bassette ed è stato acclamato dal capo clan di quell’insediamento, che ha chiamato suo figlio Flavio, per riconoscenza? Chi ha commesso errori, anche sul piano urbanistico, svuotando il centro storico e regalando interi quartieri alla criminalità?» ha chiesto Saia, prima di proseguire elencando le attività svolte dalla giunta Bitonci.

La polizia locale. «La nostra coerenza è nota. Stiamo realizzando il programma votato dalla maggioranza dei padovani» dice. Saia non accetta che qualcuno critichi il suo “esercito” di polizia locale. «Abbiamo ridato dignità alla figura dell’agente di polizia locale, impegnando sul territorio donne e uomini che compiono arresti, combattono il commercio abusivo, sequestrano stupefacenti e, in coordinamento con le forze di polizia e l’arma dei carabinieri, effettuano operazioni contro il degrado e la criminalità. Abbiamo varato un nuovo regolamento di polizia urbana e assunto nuovi agenti. Abbiamo cominciato a riqualificare, anche dal punto di vista urbanistico, alcune aree della città abbandonate a loro stesse. Abbiamo bonificato e recintato aree pubbliche, occupate da abusivi e spacciatori».

Immigrazione. «Trovo vergognoso che la critica all’operato della giunta arrivi anche dall’onorevole Naccarato, che ha sostenuto il governo Letta e sostiene il governo di Renzi e Alfano, responsabili dell’abolizione del reato di clandestinità, dell’operazione Mare Nostrum e quindi dell’invasione di extracomunitari, della depenalizzazione di centinaia di reati, dei tagli alle forze dell’ordine. Al Pd e al desiderio di cambiamento dei padovani, rispondiamo con i fatti» aggiunge ancora.

Nuova ordinanza. «Ieri il sindaco ha firmato un’ordinanza, realizzata coinvolgendo magistratura e ufficio igiene dell’Usl, per lo sgombero e la messa in sicurezza di un intero stabile di 30 appartamenti (condominio di via Confalonieri, ndr), dove trovano rifugio spacciatori e sfruttatori di prostitute. L’ordinanza obbliga i proprietari dei locali alla loro messa a norma, altrimenti dopo 15 giorni ci sarà l’immediata chiusura degli stessi da parte dell’autorità pubblica» conclude.