«Settanta chilometri di ciclabili»

È la promessa del sindaco di Abano. E mezza circonvallazione sarà senza auto

ABANO TERME. Nel giro di qualche anno la città avrà un vasto anello di piste ciclabili, che congiungerà le frazioni al centro. È il progetto ambizioso che sta portando avanti il sindaco Luca Claudio in collaborazione con l’architetto comunale Patrizio Greggio. Il primo tassello è il completamento del secondo tratto di pista nella strada che va da via Santa Maria e che arriva fino a Padova, all’incrocio con la pizzeria JC&More, ex pizzeria Ancora. Per quest’opera il Comune ha già stanziato 465 mila euro. Una seconda pista è poi già assicurata nel progetto che prevede, attraverso la variante al Pp9, la realizzazione, alla rotonda tra via Diaz e via Romana Aponense, di un nuovo centro commerciale dell’Aliper. In cambio la proprietà realizzerà infatti una pista ciclabile che collega Abano a Montegrotto fino allo Sporting. È la frazione di Giarre che beneficerà maggiormente del nuovo percorso. In più l’amministrazione sta disegnando altre piste ciclabili. «Una prima pista dovrà collegare la zona della Abano Storica con quella di Abano Bagni», spiega il sindaco. «Questo intervento è collegato al riassetto di piazza Repubblica». Ma non finisce qui. «Un’altra idea che abbiamo già sviluppato», prosegue Claudio, «prevede il collegamento tra via Flacco e via Volta, restringendo la carreggiata che è larga otto metri e mezzo e portandola a sei metri, con una riduzione del traffico, così da ritagliare una pista ciclabile. Altre piste dovranno sorgere in via Sabbioni, via Roveri, via Giarre. In alcune zone è necessario procedere al tombinamento dei fossi in collaborazione con il Consorzio di Bonifica. Non ci dimenticheremo inoltre della zona del quartiere Puccini, che ha bisogno di un rinnovo della viabilità, compresa la realizzazione di piste ciclabili».

Alla fine si calcola che saranno almeno una settantina i chilometri di piste ciclabili. «La scelta più coraggiosa e ambiziosa riguarda la circonvallazione, dove vorremmo destinare una delle due carreggiate a percorsi ciclo-pedonali», prosegue il sindaco. «La strada potrebbe essere utilizzata anche dagli amanti del pattinaggio a rotelle. In questo modo andremmo a rendere l’altra carreggiata a due corsie a doppio senso di marcia. Si tratta di un progetto che era già stato abbozzato e che stiamo pensando di attuare. Sono convinto che Abano debba dotarsi di una rete di piste ciclabili, come ho già fatto a Montegrotto, dove ci sono ben 40 chilometri di percorsi dedicati».

Federico Franchin

Pancake di ceci con robiola e rucola

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi