In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Il telefono squilla a vuoto: anziana trovata morta in casa

La nuora l’aveva cercata al telefono più e più volte. Inutile. Nessuno rispondeva dall’altro capo del filo. Così, ieri mattina di buon’ora, la donna ha deciso di recarsi a casa della suocera e ha...

1 minuto di lettura

La nuora l’aveva cercata al telefono più e più volte. Inutile. Nessuno rispondeva dall’altro capo del filo. Così, ieri mattina di buon’ora, la donna ha deciso di recarsi a casa della suocera e ha suonato il campanello. Invano. Preoccupata, ha chiamato la centrale operativa della questura, il 113. E qualche minuto più tardi è arrivata una volante con tre agenti che, grazie a un doppione delle chiavi, sono entrati nell’appartamento di Gina Maria Greggio, 84 anni, residente a Padova in via Vito Volterra 2 a Brusegana. Purtroppo i timori sono risultati fondati: la signora era a terra, ormai priva di vita. Il decesso potrebbe essere avvenuto tra sabato sera e l’alba di domenica: saranno gli accertamenti medico legali a chiarirlo. L’anziana, comunque, da tempo non stava troppo bene. Viveva da sola insieme a una badante che, l’altra notte, aveva la “libera uscita”. Ma era seguitissima dai parenti, in particolare dalla nuora e dalla nipote, legate a “nonna” Gina Maria da un affetto profondo. Il 2014, infatti, per l’84enne era stato un anno molto duro: la signora aveva perduto il marito Aristide Tognon,. E alcuni mesi più tardi aveva perduto anche l’unico figlio, Antonio più noto come Tonino Tognon, tassista, appassionato del Cai e molto conosciuto in città, ucciso da una malattia: al suo funerale, una cerimonia laica nella sala della memoria, si era recato anche l’ex sindaco Flavio Zanonato. Le esequie di Gina Maria Greggio sono già state fissate nella parrocchia di San Stefano d’Ungheria per mercoledì alle 15.30. (cri.gen)

I commenti dei lettori