In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Francisca tradita dal cuore: ieri l’autopsia sulla dodicenne

È morta a causa di un problema cardiaco: questa, al momento, l'ipotesi più accreditata per spiegare il decesso della dodicenne nigeriana Francisca Chiamaka Ezenwachime, trovata senza vita nel suo...

1 minuto di lettura

È morta a causa di un problema cardiaco: questa, al momento, l'ipotesi più accreditata per spiegare il decesso della dodicenne nigeriana Francisca Chiamaka Ezenwachime, trovata senza vita nel suo letto dai genitori martedì scorso. Prima però di una quarantina giorni, quando saranno disponibili i risultati degli esami di laboratorio, non sarà possibile definire ancora con certezza la causa patologica che ha portato alla morte improvvisa della giovane, arrivata in Italia con la madre Calista e il fratello l’autunno scorso per ricongiungersi al padre Romanus che da anni vive e lavora a Conselve. Ieri mattina il professor Massimo Montisci dell’Istituto di Medicina legale dell'Università di Padova ha eseguito l'autopsia sulla ragazza su incarico del pm Giorgio Falcone che nei giorni scorsi ha aperto un'inchiesta conoscitiva in seguito all'esposto dei genitori. Il medico ha prelevato il cuore e una serie di campioni di sangue per sottoporli a ulteriori analisi biologiche. Apparentemente non è stata notata alcuna lesione particolare. Resta al vaglio l'ipotesi di un’aritmia cardiaca, un “cortocircuito” elettrico che potrebbe aver provocato la morte della dodicenne all’improvviso, mentre stava dormendo. Al momento comunque, almeno finché non saranno disponibili gli esiti degli approfondimenti di laboratorio, non vengono escluse a priori altre ipotesi, fra le quali una possibile infezione cardiaca determinata da un virus. Nell’inchiesta aperta dalla magistratura non risultano indagati. Lunedì intanto dovrebbe arrivare il nulla osta per la sepoltura così la famiglia, sostenuta dalla comunità nigeriana, potrà organizzare il funerale nel Duomo. È probabile che l’ultimo saluto a Francisca venga fissato sabato prossimo. Nel frattempo ieri e oggi la ragazza verrà ricordata in parrocchia durante le messe e in particolare stamattina alla messa delle 9.30 in Duomo, alla quale partecipano molti ragazzi. (n.s.)

I commenti dei lettori