Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Auto e case razziate dai ladri Sempre più furti sotto la Rocca

MONSELICE. Un consistente aumento di furti, tutto di colpo, da un anno all’altro. E’ stato registrato nel territorio di competenza della stazione dei carabinieri di Monselice, che comprende anche il Comune di Pernumia. L’aumento dei furti è stato rilevato dalla vice presidente del consiglio comunale, Tiziana Quintario: «Nel territorio di Monselice, nel primo semestre 2007, si è registrato un aumento di furti rispetto allo stesso periodo dello scorso anno: da 310 siamo passati a 402». Tiziana ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

MONSELICE. Un consistente aumento di furti, tutto di colpo, da un anno all’altro. E’ stato registrato nel territorio di competenza della stazione dei carabinieri di Monselice, che comprende anche il Comune di Pernumia. L’aumento dei furti è stato rilevato dalla vice presidente del consiglio comunale, Tiziana Quintario: «Nel territorio di Monselice, nel primo semestre 2007, si è registrato un aumento di furti rispetto allo stesso periodo dello scorso anno: da 310 siamo passati a 402». Tiziana Quintario ha ragione. Basta approfondire un po’ i dati generali, per scoprire nel dettaglio una situazione allarmamte. Nel 2006 fra i 310 furti spiccano i 97 messi a segno su auto in sosta. Nei primi sei mesi di quest’anno tutti i numeri lievitano, a partire dal totale.

I 402 furti sono suddivisi nei 23 commessi all’interno delle abitazioni, nei 35 a danno degli esercizi commerciali e nei 130 compiuti nelle auto in sosta, il resto sono borseggi o altro. «L’aumento vale anche per le rapine - aggiunge Tiziana Quintario - siamo passati da due a sei colpi nel giro di un anno. Ma la paura è cresciuta molto più del dato statistico. Alla crescente domanda di sicurezza alcune amministrazioni rispondono costruendo nuove caserme. E’ questa la via? I fatti di Montegrotto sembrano rispondere “no”. Ma questo non significa aumento di uomini sul territorio, per il semplice fatto che il numero di militari è sempre quello». Su Monselice poi grava sempre l’annoso problema della caserma aperta 24 ore su 24, che finisce per togliere pattuglie dalla strada, relegando uomini negli uffici.

«Le amministrazioni comunali devono attuare una concreta riorganizzazione del personale con l’obiettivo di ridurre al minimo quello adibito a servizi amministrativi - aggiunge la Quintario - Infine, i sindaci devono avviare concrete politiche di gestione condivisa del personale della Polizia municipale, in modo da migliorare la vigilanza sul territorio». Il problema della criminalità che dilaga è riemerso in questi ultimi giorni, con la rapina messa a segno al negozio Emporio di via Garibaldi e con il colpo portato a termine nel negozio Mood di via Marconi, di proprietà del commerciante Valter Carturan. Fu dopo il suo caso che si parlò di rinforzare la caserma. Ma da allora, dal marzo del 2000, nulla più è stato fatto.