Dizionario letterario della moda

Tre vite si intrecciano intorno al rossetto rosso. Il racconto di Jennifer Radulovic

Per Donatella il simbolo della sua fragilità era l’accessorio spavaldo per eccellenza: appariscente, chiassoso, invitante. Lo stesso accessorio che per Marco era specchio della sua vera identità e per la cliente di Marinella, commessa in una profumeria, il marchio dell’infamia, la sua lettera scarlatta. Tre storie si intrecciano attorno al protagonista per eccellenza del make up, il rossetto rosso, in questo racconto inedito del nostro Dizionario letterario della moda
6 minuti di lettura

«Sei bellissima!».

«Sei proprio uno schianto!».

Stavolta lo disse due volte, fermandosi con insistenza sulla parola schianto come se essa, per magia, potesse materializzarsi, rendendola stupenda.

Beninteso, Donatella non ci credeva affatto quando diceva davanti allo specchio di essere splendida. Non era vanità la sua, anche se certamente ai più sarebbe apparsa tale. Donatella era davvero bellissima, ma lei non lo sapeva.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori