Storie

Martina Carzaniga: dal demansionamento alla svolta. Grazie ai pannolini e al bambù

Photo by zoo_monkey on Unsplash
Photo by zoo_monkey on Unsplash 
Una storia vera che racconta un decisivo mutamento di rotta. Martina Carzaniga è ripartita dai pannolini, uno dei prodotti con cui le neomamme hanno più spesso a che fare. Dopo essere stata invitata a lasciare il posto di lavoro perché mamma, ha trovato la forza di rivoluzionare la sua vita, diventando importatrice esclusiva in Italia di un brand asiatico all'avanguardia in materia di ecosostenibilità che ha lanciato nel 2017 la sua linea di prodotto per l'infanzia
3 minuti di lettura

Martina è la protagonista dell'appuntamento di oggi con testimonianze vere di 'cambio vita': ogni mese vi raccontiamo la storia di donne che sono state capaci di reinventarsi puntando tutto sui propri sogni. E che può essere di ispirazione per chi ancora non ha deciso di lanciarsi, o infondere coraggio a chi intravede un cambiamento all'orizzonte.

Quella di Martina Carzaniga, 35 anni, project manager in una multinazionale e mamma di Davide e Gabriele, potrebbe essere una storia come tante, quella di un qualsiasi lunedì mattina in cui una donna vittima di un demansionamento a causa delle sue scelte di vita, entra come ogni giorno in azienda, pronta a subire passivamente le decisioni dall'alto. E invece no, perché Martina, un giorno ha deciso che avrebbe dato una svolta alla sua vita e così è successo. "È stato esattamente così. E vorrei dire a tutte le donne che si sono trovate o si trovano adesso nella mia stessa situazione, 'parcheggiate' in aziende che non le valorizzano come dovrebbero di non accettare quel trattamento. Certo, ci vuole coraggio, ci vuole l'appoggio della famiglia. Credo però che ascoltare il desiderio che si sente dentro sia anche un dovere verso se stesse, perché quella voglia di cambiamento prima o poi diventerà un bisogno primario per la propria felicità e per quella dei propri cari" e continua: "E se ce l'ho fatta io ce la possono fare anche loro". Da neo mamma, viene ‘gentilmente invitata’ a lasciare il proprio posto tramite pressioni psicologiche e il demansionamento. Da professionista qualificata diventa improvvisamente una lavoratrice di serie B o addirittura C. Martina però non si perde d’animo e intraprende un nuovo percorso professionale che la porta a diventare importatrice esclusiva, in Italia, di Eco Boom, brand asiatico all’avanguardia in materia di ecosostenibilità che ha lanciato nel 2017 la sua linea di pannolini e salviettine ecosostenibili, biodegradabili, in fibra di bambù, senza cloro, pesticidi, profumi e BPA. Oggi Martina è CEO della sua azienda, che è un'attività B2B in crescita perché oltre ai punti vendita italiani, attualmente distribuisce anche in Svizzera, Olanda e Portogallo. I suoi prodotti sono stati inoltre già scelti da diversi asili nido.  E da poco nelle librerie il suo libro ‘Come una mongolfiera’, autobiografia romanzata della sua storia, Michael Edizioni

Martina Carzaniga
Martina Carzaniga 

 

"Eco Boom significa sostenibilità, rispetto per i nostri figli e l'ambiente che ci circonda, una scelta importante e consapevole per salvaguardare il nostro pianeta"

 

Martina, raccontaci la tua vita prima della svolta. Cosa facevi prima?
"Prima di lanciare il brand Eco Boom in Italia sono stata per 9 anni project manager in un'azienda multinazionale di Milano".


Quando hai capito che era il momento di dire 'se non ora, quando'?
"Ho capito che era il momento di agire quando ho preso consapevolezza che non ero più valorizzata in azienda e non lo sarei più stata. Dopo il rientro dalla maternità improvvisamente non avevo più né un ruolo né delle mansioni da svolgere. In poche parole sono stata parcheggiata in un angolo. È in quel momento che ho capito che dovevo dare una svolta alla mia vita professionale, volevo sentirmi realizzata, essere libera di disporre del mio tempo e fare ciò che mi rendeva veramente felice".


Hai fatto dei corsi specifici prima di affrontare questa nuova impresa?
"Ho fatto un corso di business plan e un corso di negoziazione strategica e public speaking."


Da dove nasce il nome del brand?
"Eco Boom è il binomio di ecosostenibilità e cambiamento energico, che come un tuono, un'esplosione, un energico 'boom' vuole farsi sentire e diffondere il concetto di protezione ambientale in tutto il mondo".


Hai incontrato difficoltà burocratiche iniziali? Hai avuto accesso a aiuti, fondi ?
"In realtà aprire un'azienda non è così difficile. Molto più semplice di quanto si possa pensare. Occorre affidarsi ai professionisti, informarsi, e all'inizio fare dei sacrifici".


Chi ha creduto in te?
"Solo e unicamente mio marito".

Usi i social per il tuo nuovo lavoro?
"Penso che attualmente i social siano una vetrina che permette di farti conoscere e consentono un veloce scambio di informazioni. Mi danno molti spunti positivi e mi consentono con facilità di relazionarmi con altre persone e altre realtà. Ho una visione molto positiva dei social networks se utilizzati con cognizione di causa."


Un bilancio ad oggi di questa scelta? La rifaresti?
"Lo rifarei, forse anche prima, e vorrei essere da esempio per tutte quelle donne e quelle mamme che si trovano in una difficile situazione lavorativa e che per diversi motivi non hanno il coraggio e la forza di cambiare".


Quali sono i tuoi progetti futuri?
"Stiamo lavorando per aumentare il portfolio dei prodotti, per poterci rivolgere anche alle donne e agli anziani. Inoltre ci stiamo impegnando affinché Eco Boom diventi un punto di riferimento in Italia per i pannolini ecosostenibili. Eco Boom significa sostenibilità, rispetto per i nostri figli e l'ambiente che ci circonda, una scelta importante e consapevole per salvaguardare il nostro pianeta".