Separazioni

"Per proteggere mio figlio ho sopportato violenza e umiliazioni": Marta racconta il suo divorzio

Una gravidanza inaspettata, un marito scostante e dipendente dall'alcol, l'abbandono da parte delle istituzioni, una conclusione amara: la vera storia di una donna che, rimasta sola, è riuscita a sottrarsi alla vendetta e proteggere suo figlio da un padre pericoloso, commentata da Chiara Nardone, psicologa e psicoterapeuta
 
8 minuti di lettura

Sono passati diciotto anni da quando, firmando il registro dei matrimoni, Marta (il nome è di fantasia) si è trovata proiettata in un incubo inimmaginabile che ha stravolto la sua vita di donna e di madre. A dispetto di quanto ha passato, però, la sua voce è limpida e le sue parole consapevoli. Ha fatto pace con i rimpianti, anche se il dolore rimane.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori