Maria Cristina Messa: “I docenti No Pass non vivono in un deserto, le università sono un servizio essenziale”

La ministra analizza il calo delle immatricolazioni: «Perdono meno le lauree scientifiche, ai corsi si iscrivono più donne. Nel Pnrr abbiamo quasi un miliardo di euro da investire in residenze e 500 milioni in borse di studio. Le misure dovrebbero uscire entro fine mese»

È quasi da un anno ministra dell’Università e la Ricerca Maria Cristina Messa. Il suo bilancio è positivo, è stato «un anno entusiasmante», afferma, per i gli obiettivi raggiunti, per la priorità data al suo ambito di competenza.

Quasi 10 mila studenti non si sono iscritti all’università lo scorso autunno. Effetto del Covid?
«C’è stato un raffreddamento rispetto all’anno scorso quando invece si era registrato un aumento.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori

Video del giorno

Stati Uniti: una pioggia di orsacchiotti sul campo da hockey, ma è per beneficenza

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi