Torna in Corea del Nord con le puntate di “Squid Game” in una usb: giovane condannato a morte

Altri sette ragazzi sarebbero stati arrestati per avere acquistato copie della serie Netflix

Torna dalla Cina con una riproduzione di “Squid Game”, la serie di Netflix,  nascosta in una chiavetta Usb e ne vende copie ad amici e studenti. la sua patria, la Corea del Nord, lo condanna a morte.

Secondo un articolo apparso sul Daily mail il giovane sarebbe stato colto sul fatto dai servizi di sorveglianza del Paese, e sarebbe stato giustiziato tramite fucilazione.

Condannato all’ergastolo, secondo Radio Free Asia, uno studente che ha acquistato una copia del disco, mentre altri sei che hanno visto la serie sono stati condannati a cinque anni di lavori forzati.

L'arresto dei sette studenti segna la prima volta che il governo applica la nuova legge sull' «Eliminazione del pensiero e della cultura reazionaria», in un caso che coinvolge minori. La legge, promulgata l'anno scorso, prevede la morte come pena massima per la visione, la conservazione o la distribuzione di media provenienti da paesi capitalisti, in particolare dalla Corea del Sud e dagli Stati Uniti.

Video del giorno

Cherchi: ex della Mala del Brenta invecchiati ma ancora molto pericolosi

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi