Giallo a Tarquinia: uomo trovato morto al posto di guida della sua auto. Ucciso con un colpo di pistola alla nuca

La vittima è Dario Angeletti, biologo marino e professore associato all'università di Viterbo. Aveva 50 anni. Sul suo corpo ci sono anche altre ferite

Una ferita alla nuca dovuta, forse, a un colpo di pistola. Nessuna arma trovata all'interno dell'autovettura. Il cadavere adagiato dal lato guida. È giallo attorno alla morte di Dario Angeletti, biologo marino e professore associato all'università di Viterbo, trovato cadavere nella sua auto nel parcheggio sterrato nei pressi delle Saline, a Tarquinia, vicino Roma.

Sul corpo della vittima ci sarebbero diverse ferite. Secondo quanto si apprende, al momento non sarebbe esclusa qualsiasi pista.

Sia il suicidio sia l'omicidio al momento sono entrambe ipotesi al vaglio dei carabinieri di Viterbo, coordinati dalla procura di Civitavecchia. Sul posto anche i sanitari del 118.

Sul corpo del 50enne è stata disposta l'autopsia. L'autovettura, una Volvo, è stata posta sotto sequestro per consentire una serie di accertamenti investigativi. Sul posto anche il comandante provinciale dei carabinieri, Andrea Antonazzo.

I militari hanno acquisito inoltre le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona con l'obiettivo di trovare elementi utili all'inchiesta.

Video del giorno

Operazione antidroga e 21 arresti a Padova, il video della polizia sui blitz

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi