Morte Gaia e Camilla, torna libero Pietro Genovese: cade l’obbligo di dimora

Ora il Tribunale di sorveglianza dovrà decidere come il giovane sconterà il residuo della pena, circa 3 anni e 7 mesi

 Torna in libertà Pietro Genovese, il ventenne romano che la notte del 21 dicembre del 2019 investì e uccise due ragazze di 16 anni, Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli nella zona di Corso Francia. Lo hanno disposto i giudici della Corte d'Appello di Roma così come prevede la legge per le sentenze passate in giudicato.

Il giovane, che era gravato della misura dell'obbligo di dimora, deve attendere ora la decisione del Tribunale di Sorveglianza che dovrà decidere su come fare scontare il residuo pena, circa 3 anni e 7 mesi. Genovese l'8 luglio scorso ha concordato in appello una condanna definitiva a 5 anni e quattro mesi, dopo aver scontato un anno e sette mesi ai domiciliari. E' accusato è di omicidio stradale plurimo.

Video del giorno

Il primo Airbus A340 atterra in Antartide, l'impresa epocale della Hi Fly apre la via del turismo

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi