Cadavere in decomposizione trovato tra i rifiuti sulla statale verso Ragusa

Si tratta di un uomo sulla trentina. Le forze dell’ordine avvisate da una telefonata anonima. La zona del ritrovamento è vicino a un supermercato alla periferia di Vittoria

Il cadavere di un uomo già in avanzato stato di decomposizione è stato trovato questa sera, poco dopo le 20, in mezzo a un cumulo di rifiuti, in una piazzola sulla strada statale 115, nel tratto che collega il paese di Vittoria con quello di Acate, due importanti centri agricoli del Ragusano. Il corpo era in una zona poco frequentata ma nei pressi di un grande supermercato che si trova proprio alla periferia di Vittoria. Tuttavia, ad avvertire le forze dell’ordine è stata una telefonata anonima giunta al 118 che l’ha poi girata alla polizia.

Secondo i primi rilievi, si tratterebbe di un uomo di circa 30 anni, forse di nazionalità romena. Da un primo esame del medico legale, avrebbe una lesione alla testa ma al momento lo stato in cui si trova il cadavere non permette valutazioni più precise. La morte risalirebbe ad almeno quattro giorni fa. Nessuna ipotesi viene esclusa ma quella privilegiata è l’omicidio. La procura di Ragusa ha aperto un’inchiesta, affidata alla Squadra mobile.

Se davvero si trattasse di una persona di nazionalità straniera, potrebbe essere qualcuno impiegato nei campi, essendo quella una zona la cui economia è fortemente segnata dall’agricoltura e dalla lavorazione dei primaticci nelle serre. Una zona dove è fortemente presente il caporalato, che recluta sia immigrati maghrebini sia cittadini dell’Est Europa, e dove spesso in passato le forze dell’ordine hanno portato a termine importanti operazioni per cercare di combattere questa piaga. D’altro canto, l’aver abbandonato il cadavere in una discarica di rifiuti sembra già di per sé un segnale. Terribile quanto leggibile.

Video del giorno

Vitiligo, la malattia in "mostra" nel cortile pensile di palazzo Moroni a Padova

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi