Coronavirus, la Procura di Bergamo: verificare se il piano pandemico è stato attivato dal 5 gennaio

10 giugno 2020, il Comitato dei parenti delle vittime del coronavirus presenta alla procura di Bergamo una denuncia collettiva contro ignoti

Indagine per epidemia colposa. La Guardia di finanza acquisisce documenti in vari uffici del Ministero della Salute, dell’Iss, della Regione Lombardia e di altri enti

Verificare non solo se il piano pandemico nazionale sia stato «aggiornato» ma anche se sia stato «attivato e applicato» a partire dal 5 gennaio 2020, data in cui l'Oms ha lanciato a livello mondiale l'allarme di una polmonite sconosciuta. E' il passaggio chiave dell'ordine di esibizione di atti e documenti firmato dai pm di Bergamo e che ha portato la Gdf ad acquisire carte in vari uffici del Ministero della Salute, all'Iss, in Regione Lombardia e in altri enti. Il reato per cui i magistrati stanno indagando in questa tranche di indagine è epidemia colposa.

***Iscriviti alla Newsletter gratuita Speciale coronavirus

Covid, la previsione della virologa Capua: "Fine della pandemia? Non prima del 2023"

Merluzzo al vapore al pomodoro e taggiasche, farro, cime di rapa alle mandorle

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi