In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Ecco quanto costano i carri armati Leopard e M1 Abrams che verranno forniti all’Ucraina

marina palumbo
Aggiornato 1 minuto di lettura

Creato da

Leopard 2 durante una esercitazione

 

Dopo settimane di trattative e riflessioni, ieri è arrivata la svolta sui tank da inviare all’Ucraina. I numeri non sono ancora chiari, ma le indiscrezioni parlano di almeno 30 carri armati M1 Abrams in arrivo dagli Stati Uniti e tra 80 e 100 Leopard 2 che saranno donati dai paesi europei.

Ma qual è il valore di mercato dei carri armati di cui tanto si parla in questi giorni?
Cominciamo dagli Abrams che arriveranno dagli Stati Uniti. Esistono tre principali versioni operative di Abrams, M1, M1A1 e M1A2, e naturalmente ogni nuova versione cerca di raggiungere miglioramenti nell'armamento, nella protezione e nell'elettronica. Non è ancora chiaro quale di queste versioni sarà mandata a Kiev, ma i costi stimati nel 2016 per l’ultima versione si aggiravano intorno ai 5,7 milioni di euro, a oggi quasi 8,2 milioni di euro con la stima attualizzata che tiene conto dell’inflazione. Come in tutte le transazioni di grandi dimensioni e particolarmente quando di mezzo ci sono trattative con i governi sul cui territorio si colloca il produttore, le cifre possono variare ed essere impattate da una molteplicità di variabili. Ecco perché è molto difficile stabilire un prezzo di mercato preciso

Leopard 2

 

Anche dei Leopard 2 esistono più versioni, ma la stima più recente a nostra disposizione, scritta qualche anno fa in un report del Ministero della Difesa Tedesco, riguarda la versione Leopard 2A7+ MBT e parla di un prezzo tra i 13 e 15 milioni di euro.

I mezzi che dall’Europa verranno mandati a Kiev, non devono però essere comprati: fanno già parte delle dotazioni di oltre dodici paesi che sono intenzionati a donarli. Ognuno secondo le proprie capacità e anche necessità: ieri, ad esempio, la Repubblica Ceca ha fatto sapere di non poter rinunciare ai propri Leopard, perché ritiene di averne bisogno per la propria sicurezza. Al momento, l’unico paese che ha dichiarato di voler acquistare nuovi carri armati da inviare a Kiev, nel numero di 18, è l’Olanda. 

Invece, la fornitura dei tank americani sarà finanziata attraverso l'Ukraine Security Assistance Initiative, l'iniziativa per l'assistenza alla sicurezza ucraina che prende armi e equipaggiamento direttamente dall'industria privata invece che dagli arsenali Usa. Gli Stati Uniti consegneranno all'Ucraina 31 carri armati Abrams M1, per un valore di 400 milioni di dollari. Ma ci vorranno mesi per l'effettiva consegna.

Un M1 Abrams in uso alle forze irachene

 (afp)

Il pugno di Putin sull’informazione libera: vietata “Meduza”, l’ultima la testata libera

I commenti dei lettori