Il Mondiale senza l’Italia? Che almeno ci serva da lezione

Non ci siamo ma anche nelle ultime due occasioni è stato un po’ come se fossimo mai scesi dall’aereo. Non ci siamo perché  abbiamo finito i buoni calciatori, sfruttato oltre ogni misura le ultime leve degli anni dei trionfi e, soprattutto, perché abbiamo  a che fare con i peggiori dirigenti di sempre. Calcisticamente parlando da tempo siamo Serie B del mondo

Risotto alle pere, prosciutto croccante e robiola di capra

Casa di Vita