Di madre in figlia: le cantine familiari e femminili del Nord Italia

Elena, Julia e Karoline Walch 
La prima tappa di un viaggio alla scoperta di quel versante del mondo del vino che non solo ha quasi dimenticato i pronomi maschili, ma che soprattutto racconta di legami di sangue, emozioni e generazioni che si rincorrono verso il futuro. 
4 minuti di lettura

È un legame molto forte, quello tra mamma e figlia, ancor di più quando a far da collante non c’è solo il focolare domestico, ma anche una passione intensa che solo la natura è in grado di trasmettere. Lavorare la terra, la vigna in particolare, richiede un requisito principale: la pazienza. Una dote che alle donne non manca, perché siamo naturalmente “programmate” per generare e allevare.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori