Van Berkel sbanca col business dei coltelli grazie agli artigiani friulani

Dal 2017 il fatturato di Berkel (Gruppo Rovagnati) nel mondo delle lame è aumentato del +250%, raggiungendo 1,5 milioni di euro nel 2021. Il direttore generale Stefano Giubertoni: "Oggi la domanda di alta coltelleria è in crescita esponenziale, noi siamo leader anche grazie alle competenze acquisite con Antiche Coltellerie Maniago"
2 minuti di lettura

Van Berkel cresce con l’alta coltelleria degli artigiani friulani e punta a diventare riferimento nel mercato delle lame di eccellenza. L’iconico brand di Food Forniture Made in Italy, di proprietà del Gruppo Rovagnati, ha completato in questi giorni l’integrazione di Antiche Coltellerie Maniago, azienda nata nel 1952 nella provincia di Pordenone e specializzata nell’alta coltelleria. Grazie anche al know-how unico della piccola realtà artigiana delle lame, il ramo della coltelleria ha conquistato nel tempo un ruolo sempre più strategico nella crescita del gruppo Berkel, tanto che dal 2017 il fatturato di Berkel nel business dei coltelli è aumentato del +250%, raggiungendo 1,5 milioni di euro nel 2021. Adesso l’obiettivo è di un ulteriore raddoppio delle entrate entro il 2024, portando il business dei coltelli a pesare per il 10% del fatturato complessivo dell’azienda.

«Adesso miriamo a diventare punto di riferimento nel segmento dei coltelli di qualità – racconta Stefano Giubertoni, direttore generale di Van Berkel International -. Oggi la domanda di alta coltelleria è in crescita impressionante e arriva da una clientela trasversale formata da grandi appassionati di preparazioni e di prodotti di qualità che vogliono a casa propria i prodotti dei professionisti». 

Stefano Giubertoni, direttore generale di Van Berkel International 

I numeri della produzione industriale confermano il trend di forte rialzo, passando dalle 38.000 lame prodotte nel 2017 alle 60.000 di oggi. Alla base di questa forte ci sono anche gli investimenti in ricerca e sviluppo di Berkel. «Gli investimenti industriali che Van Berkel International ha compiuto negli anni ci hanno permesso di affrancarci da una dimensione puramente artigianale ed avere la possibilità anche di rispondere al mercato in termini di volumi, con tecnologie di produzione molto avanzate, confermando così la centralità strategica della coltelleria per il nostro business – dice il manager -. Grazie alle competenze che abbiamo acquisito con Antiche Coltellerie Maniago, siamo ora in grado di coprire un ruolo sempre più solido nel settore, presidiando il segmento consumer premium e super premium con una produzione in grado di coniugare la performance, la bellezza e lo stile che da sempre contraddistinguo in marchio Berkel nel mondo».

L’idea è di imprimere un salto di qualità all’export dei coltelli. La quota di lame venduta attualmente da Berkel all’estero si ferma al 30% del totale ma le vendite sono veicolate soprattutto attraverso l’e-commerce. Ben più alto è il livello di esportazioni del marchio Berkel che arriva al 70-75% e questo è il target che potrebbero raggiungere anche le lame. A fare da traino all’alta coltelleria sarà la notorietà del gruppo fuori dall’Italia. Van Berkel International ha rivoluzionato il mondo del taglio con l’invenzione dell’affettatrice nel 1898. Oggi è un'organizzazione multinazionale con sede in Italia, da 20 milioni di euro di fatturato nel 2020 e con oltre 160 dipendenti su 5 siti produttivi, impegnati nella realizzazione delle migliori affettatrici, coltelli ed attrezzature per la lavorazione degli alimenti distribuiti in 100 Paesi col marchio Berkel.

La società, anche grazie alla nuova acquisizione, conta di chiudere l’anno in corso con un incremento del proprio giro d’affari del 5% a quota 24 milioni. Le produzioni sono tutte in Italia con solide basi locali (ad eccezione di una piccola parte marginale di quanto viene realizzato). «La crescita in questi ultimi anni così difficili conforta – conclude Stefano Giubertoni -. E dimostra che quando si fanno prodotti ad alto valore aggiunto si può ancora crescere sia sul mercato italiano, sia in altri Paesi».

Fiore all’occhiello della produzione di coltelleria di Berkel è la Gamma Teknica, prodotta interamente nel distretto friulano del metallo, che si compone di 9 referenze con lama in acciaio cromato dello spessore di 3 millimetri, contraddistinte dalla manicatura, testata e ottimizzata negli anni per suggerire all’utilizzatore la migliore impugnatura sia funzionalmente che ergonomicamente.