Sarde a beccafico, il piatto amato da Camilleri che profuma di Sicilia

Appartenente alla famiglia delle (ricchissime) ricette di recupero italiane, figlia di tutte e di nessuna delle città dell'isola. Ma qual è l'origine del nome?
2 minuti di lettura

I ricettari della gastronomia italiana sono infarciti di preparazioni che “sembrano, ma non sono”. Spesso piatti di risulta, del giorno dopo, con i quali venivano fuori pietanze originali e gustose. Il cappon magro ligure, tanto per citarne uno, veniva preparato anticamente con gli avanzi dei banchetti coronati. Ci sono poi quei piatti che sono il simbolo della vera italianità, riconosciuta universalmente con l’arte di arrangiarsi. Il

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori