Verdicchio, quel "bianco vestito di rosso" che fa bella l'Italia (e le Marche)

Tre verticali per raccontare uno dei bianchi più celebrati della Penisola. Eric Asimov, critico enologico del New York Times: “Per coloro che si aspettano un semplice vino bianco offre piaceri senza complicazioni. Per chi desidera maggiore complessità, ha una marcia in più”
4 minuti di lettura

Il New York Times lo ha definito “bianco vestito di rosso” azzeccando in pieno la peculiarità del Verdicchio di Matelica, vino di grande personalità prodotto in un fazzoletto di circa 300 ettari capace di resistere, anzi migliorare, con lo scorrere del tempo. A prendersi cura di questa piccola e pregiata Denominazione - la Doc risale al 1967 a cui si affianca dal 2010 la Docg con il Verdicchio di Matelica Riserva - è l’Istituto

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori