50 Best, due italiani nei primi cento migliori ristoranti del mondo: ecco come cambia la geografia del gusto internazionale

Chef Norbert Niederkofler 
Rivelata la lista da 51 a 100: al 52esimo posto Uliassi di Senigallia (Ancona), guidato dai fratelli Mauro e Catia Uliassi, mentre alla posizione 54 St. Hubertus di San Cassiano (Bolzano), con a capo lo chef Norbert Niederkofler, salito di 62 posti rispetto alla classifica del 2019 
3 minuti di lettura

L'Italia torna a abbracciare con il tricolore, in un'estate in cui le vittorie sono state quotidiane ed esaltanti per il nostro Paese (anche se in campo sportivo), il simbolo dei The World's 50 Best Restaurants. In attesa del lancio della classifica dal 50esimo posto al primo (la cerimonia di premiazione si terrà martedì 5 ottobre 2021 ad Anversa, nelle Fiandre), il 23 settembre 2021 sono state rese noti tutti i ristoranti che completano la lista dei 100 migliori al mondo, occupando dalla 51esima posizione al fondo della classifica. Ben due infatti i ristoranti italiani in lista quest'anno premiati dalla giuria di oltre 1000 esperti indipendenti del mondo della gastronomia: il Ristorante Uliassi e il St. Hubertus di Norbert Niederkofler.

La sala da pranzo al St. Hubertus  


Grandissima performance per il ristorante di San Cassiano, che si aggiudica il premio come miglior performance dell'anno, visto che dall'edizione 2019 (la 2020 fu annullata causa Covid-19) a oggi ha fatto un balzo in avanti di ben 62 posizioni, assestandosi al numero 54 (nel 2019, i ristoranti della seconda fascia erano dal 51 al 120, ndr). Esattamente due posizioni dietro Mauro Uliassi, che dalla 61esima postazione del 2019 (anno del suo ingresso in classifica) è salito di ulteriori nove punti e guarda da vicino la sommità della classifica. A fare compagnia ai due chef italiani i rappresentanti di altre 22 nazioni (con ben 13 ristoranti new entry), per un campione capace di rappresentare tutti i continenti, seppur con una predominanza dell'Europa, presente con ben 21 rappresentanti. In cima alla lista di Paesi più presenti invece c'è il Giappone con ben 5 posizioni presidiate (in un'Asia presente anche con Corea, Hong-Kong, India e Thailandia), seguito da Francia e Spagna che si fermano a 4 locali ciascuna. Oltre ad includere molti ristoranti che si trovano in note destinazioni gastronomiche, quest’anno la lista celebra anche le realtà situate in diverse parti del mondo, come la città costiera Koksijde (Williem Hiele, 77° posizione) in Belgio e La Madelaine-sous-Mountreuil, che vede il suo La Grenouillère alla posizione numero 91.

Una ricchezza notevole che William Drew, direttore dei contenuti di The World's 50 Best Restaurants, commenta con orgoglio, sottolineando come la classica quest'anno riconosca “una varietà di destinazioni più ampia che mai. Siamo entusiasti di contare 13 ristoranti che entrano in lista per la prima volta, mentre il mondo gastronomico è impegnato a superare le enormi sfide causate dalla pandemia. Non vediamo l'ora di condividere i festeggiamenti alla cerimonia di premiazione il 5 ottobre ad Anversa, nelle Fiandre".

 

ECCO LA CLASSIFICA COMPLETA

51 Nihonryori RyuGin - Tokyo - Giappone  

52 Uliassi - Senigallia - Italia
53 Nerua - Bilbao - Spagna 
54 St. Hubertus - San Cassiano - Italia 
55 Chef's Table at Brooklyn Fare - NYC - USA
56 Sud 777 - Mexico City - Messico 
57 Brae - Birregurra - Australia 
58 Alchemist - Copenhagen - Danimarca 
59 Schloss Schauenstein - Furstenau - Svizzera 
60 Mikla - Istanbul - Turchia 
61 D.O.M. - San Paolo - Brasile 
62 Mingles - Seoul - Corea del Sud 
63 Sorn - Bangkok - Thailandia 
64 Core by Clare Smith - London - Regno Unito 
65 Dinner by Heston Blumental - London - Regno Unito 
66 The Jane - Antwerp - Belgio 
67 Oteque - Rio de Janeiro - Brasile 
68 Alcalde - Guadalajara - Messico 
69De Librije - Zwolle - Paesi Bassi 
70 Alinea - Chicago - Usa 

71 Vea - Hong Kong - Cina 
72 Le Du - Bangkok - Thailandia
73 Il ristorante Luca Fantin - Tokyo - Giappone 
74 Quique Dacosta - Denia - Spagna 
75 Sazenka - Tokyo - Giappone 
76 La Cime - Osaka - Giappone 
77 Willem Hiele - Koksijde - Belgio 
78 Brat - Londra. - Regno Unito 
79 Aponiente - El puerto de Santa Maria - Spagna
80 El Chato - Bogota - Colombia 
81 La Colombe - Cape Town - Sud Africa 
82 Indian Accent - Nuova Delhi - India 
83 Epicure - Parigi - Francia 
84 Le Clarence - Parigi - Francia 
85 Lasai - Rio de Janeiro - Brasile 
86 Restaurant Davit Toutain - Parigi - Francia 
87 Ikoyi - Londra - Regno Unito
88 Belon - Honk Kong - Cina 
89 Amass - Copenhagen - Danimarca 
90 Mil - Cusco - Perù 
91 La Grenouillère- La Madelaine-sous-Montreuil - Francia 
92 Fyn - Cape Toen - Sud Africa 
93 Gaa - Bangkok - Thailandia
94 Arzak - San Sebastian - Spagna
95 Kjolle - Lima - Perù
96 Astrid y Gastòn - Lima - Perù 
97 Attica - Melbourne - Australia 
98 Alo - Toronto - Canada 
99 L'effervescence - Tokyo - Giappone 
100 Amber - Hong Kong - Cina