Per fare una pianta non ci vuole un terreno: ecco l'agricoltura aeroponica. Che sbarca al ristorante

Germogli ed erbe crescono senza alcun tipo di substrato di coltivazione, con le radici che fluttuano nell'aria, in un ambiente artificiale come una serra. Quali sono le conseguenze? E perché chef e gestori di locali si sono appassionati?
4 minuti di lettura

La terra è bassa” e chiunque abbia tenuto una zappa in mano anche solo qualche minuto conosce tutta la verità di questo vecchio adagio. La triade uomo/terra/agricoltura è antica almeno 10.000 anni, da quando, nel Neolitico, l'Homo Sapiens cominciò ad acquisire le competenze per coltivare le piante utili alla sua alimentazione. Una triade che, oggi, non è più così granitica.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori