E grazie a Gabriele Salvatores i confetti di Sulmona sbarcano all'Expo di Dubai

Parla Mario Pelino dell'omonima azienda confettiera abruzzese, uno dei soggetti voluti dal premio Oscar per rappresentare in un cortometraggio le ricchezze (anche enogastronomiche) del nostro Paese 
3 minuti di lettura

Mani delicate, che intrecciano confetti, garza, tulle, filo di ferro colorato. Mani delicate che creano piccole opere d'arte commestibile, eredi senza soluzioni di continuità di generazioni che tra i vicoli antichi di Sulmona perpetuano una tradizione ancora, fortunatamente, solida e senza fine. Le mani sono quelle delle maestre operaie di Pelino, una delle famiglie confettaie più famose e note d'abruzzo, scelte insieme alle pareti tra le quali lavorano - quelle dell'azienda e del Museo - dal Premio Oscar Gabriele Salvatores come simbolo per raccontare l'Italia dell'artigianalità e della bellezza al prossimo Expo 2020 Dubai.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori