Caterina Ceraudo, Luigi Lepore e la Calabria dolce-amara delle Merendelle

Una terra dura e carezzevole insieme, che continua a esprimersi e crescere attraverso le mani dei suoi cuochi più giovani, talentuosi e magici 
5 minuti di lettura

Dura, aspra, cocciuta, testarda e potrei continuare per ore. Sono questi gli aggettivi con i quali solitamente si descrive (anzi, si addita) la terra di Calabria. L’ Aspromonte, i lupi della Sila, i banditi, il sapore forte del peperoncino, della’nduia (o meglio ’Ndujia’, con la j sdrucciola, come mi hanno insegnato a chiamarla a Spilinga, alla Sagra più piccante dell’anno, che si tiene a inizio agosto in questo piccolo paese subito sotto Pizzo Calabro). O

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori