Danimarca

René Redzepi: "Dopo il buio del lockdown riparto dalla cucina nordica"

Danimarca, un piatto gourmet a base di cibi biologici © Robin Skjoldborg
Danimarca, un piatto gourmet a base di cibi biologici © Robin Skjoldborg 
Lo chef del Noma: "Camminate, bagni nell'aqua ghiacciata dei fiordi e letture: così ho vinto l'ansia della chiusura". E con i colleghi Nicolai Nørregaard ed Emilie Qvist Kjærgaard, con le riaperture del primo giugno, rilancia la cucina nordica
3 minuti di lettura

«Se il Noma non fosse stato chiamato Noma, ora lo avrei ribattezzato “Ristorante del Tempo”, perché è il tempo (meteorologico, ndr)  che determina  tutto quello che possiamo portare in tavola». René Redzepi, lo chef danese creatore del Manifesto per una nuova Cucina Nordica, anima del think thank culinario che per 4 volte è stato nominato miglior ristorante del mondo, torna sul clima come chiave di volta del sistema food in Danimarca, e come punto di partenza del nuovo menu del suo locale che riaprirà al pubblico l’1 giugno, dopo il secondo lockdown che ha paralizzato per 6 mesi  il Paese scandinavo.