Dai diamanti non nasce niente...ma dalla pasta può nascere una birra

Dai diamanti non nasce niente...ma dalla pasta può nascere una birra
Da due produttori campani, il pastificio De Matteis e il Birrificio Serrocroce, nasce un prodotto con grano duro al 100 per 100 italiano. Seguici anche su Facebook 
1 minuti di lettura
Una nazione votata all'agricoltura e il suo grano, insieme a una delle terre più identitarie della Campania e uno dei protagonisti del movimento birraio artigianale regionale. E' questa la strana, ma funzionante, accoppiata nata dall'incontro tra la De Matteis Agroalimentare e il Birrificio Serrocroce, che ha fatto nascere la Birra Armando

Un nome singolare e un prodotto che proviene per la sua totalità dallo stesso grano con cui viene prodotta la pasta della De Matteis: 100% italiano, proveniente da 9 diverse regioni italiane. Il grano che è nel cuore di questa birra e anche nel suo metodo di produzione, in quanto il mastro birraio Vito Pagnotta, ha scelto per la nuova nata lo stile “saisons”; ovvero uno stile nato nelle fattorie del Belgio dove i lavoratori stagionali, i “saisonniers” appunto, coltivavano il grano per fare una birra rustica, concreta, in parte destinata proprio ai medesimi lavoratori e alle loro lunghe giornate di lavoro agricolo. Caratterizzata da una lunga fermentazione, oltre che dalla rifermentazione e affinamento in bottiglia, questa birra è decisamente vivace, dalle spiccate note acide e un bouquet di profumi molto ampio, che comprende anche alcuni sentori floreali e fruttati. A tavola è caratterizzata da una trasversalità di abbinamento notevole, dalla pasta con i pomodorini a cibi da una struttura più importante, come un tagliere di formaggi, anche stagionati.

Una birra verace, forte, come l'Irpinia da cui nasce e in cui "vivono" entrambe le realtà produttive che l'hanno creata. Il birrificio legato al lavoro autonomo, che come Pagnotta reclama con orgoglio, è stato tra i primi "birrifici di filiera", controllando tutto il processo di vita delle birre e l'azienda agricola che da anni si impegna ad attuare un modello virtuoso di produzione. A fronte di un patto in cui i contadini si impegnano a piantare esclusivamente grano italiano di alta qualità, infatti, l'azienda a monte fornisce agronomi a proprie spese per qualsiasi problema nei campi e, soprattutto, paga i corrispettivi seguend un prezzo minimo garantito, rivelatosi, negli ultimi otto anni, al di sopra della media di mercato. 
2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito