Transizione ecologica

Tutto quello che c'è da sapere sulla geotermia, l'energia pulita di cui l'Italia è ricca

L'energia della terra è una risorsa rinnovabile e, secondo gli ultimi studi, a impatto nullo di gas serra. Gli impianti toscani con 6 miliardi di KWh soddisfano oltre il 30% del fabbisogno elettrico regionale. Ma l'individuazione di nuovi campi geotermici utilizzabili ha un costo ancora troppo elevato perché si possa sfruttare dove il territorio lo permetterebbe

6 minuti di lettura

La centrale geotermica di Bagnore è situata a metà strada tra Arcidosso e Santa Fiora, nel versante sudovest del monte Amiata. Un cappello di vapore nasconde un'architettura ben integrata con i colori e la morfologia del paesaggio toscano. Rumori contenuti e odori quasi del tutto assenti. L'impianto è un fiore all'occhiello di Enel Green Power, e uno dei pochi attivi in Italia.

L'energia geotermica è una fonte pulita e rinnovabile, che permette di sfruttare il calore naturale presente nella crosta terrestre per ottenere energia elettrica o acqua calda: il nostro Paese ha un potenziale di energia geotermica estraibile e sfruttabile che si stima valga tra i 500 milioni e i 10 miliardi di tonnellate di petrolio equivalente.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori