L'intervista
Tamara Lunger: "La montagna non è Disneyland, impariamo dalla sua lentezza"

Tamara Lunger: "La montagna non è Disneyland, impariamo dalla sua lentezza"

Nella Giornata mondiale l'alpinista italiana che ha scalato il Lothse (8.516 metri) e il K2  spiega come ristabilire un rapporto sano con le alte terre. "Se penso agli scempi dei turisti irrispettosi mi viene una profonda tristezza"

3 minuti di lettura

La montagna Disneyland, quella delle code per scalare l'Everest, degli impianti che portano a 4000 metri, delle corse in auto lungo i passi dolomitici, degli instagrammer con le scarpe da tennis sui ghiacciai. La riscoperta della natura legata alla cattività forzata del lockdown ha spinto in massa la gente sulle montagne, rafforzando un trend crescente di riscoperta delle terre alte.