Biodiversità

Acciughe sempre più magre: il caldo riduce numero e taglia dei pesci più comuni

Come le aringhe e le sardine rischiano l'estinzione a causa dell'aumento della temperatura degli oceani. E una ricerca mette in luce le loro difficoltà di adattamento

2 minuti di lettura

A rischiare l'estinzione non sono solo gli animali simbolo della natura selvatica, ma anche quelli più comuni. Molti dei pesci della tavola di tutti i giorni, dalle sardine, alle aringhe, alle acciughe, stanno rischiando infatti l'estinzione a causa della crisi climatica. L'innalzamento della temperatura dell'acqua infatti crea condizioni inospitali. Una ricerca del Center for Advanced Studies in Arid Zones (CEAZA) in Chile e dell'Università di Reading (UK), pubblicata su Nature

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori