La medusa aliena si allea con la microalga per colonizzare il Mediterraneo

La tropicalizzazione del Mare Nostrum favorisce la diffusione di Cassiopea andromeda. Ma uno studio guidato da un team dell’Università del Salento rivela anche il contributo (determinante) di organismi unicellulari simbionti
2 minuti di lettura

Ad aiutare la medusa Cassiopea andromeda nel suo processo di diffusione nel Mediterraneo, favorito dal riscaldamento globale e dalla tropicalizzazione del Mare Nostrum, è anche una microalga unicellulare simbionte che – con la sua capacità di fotosintesi – le fornisce parte dell’alimentazione necessaria alla sua sopravvivenza. Una sorta di utilissimo “serbatoio” in grado di dare sostentamento alla medusa a costo zero, insomma.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori