Transizione ecologica

Polonia, la centrale a carbone più inquinante d'Europa chiuderà nel 2036

La decisione sarà sottoposta a consultazione popolare. Obiettivo decarbonizzazione, beneficiando degli aiuti Ue per la riconversione green della produzione d'energia e il passaggio alle rinnovabili
2 minuti di lettura

BERLINO – Importante novità nella politica energetica della Polonia, finora estremamente inquinante e indietro rispetto agli obiettivi dell'Unione europea. Second statements ufficiali citati dal Guardian, Varsavia ha deciso di chiudere entro il 2036 la miniera e centrale a carbone di Belchatow, considerata dalla Ue e dagli ambientalisti la più inquinante d'Europa. Per la precisione la scelta è stata presa dalle autorità locali della città di Lodz (l'antico centro tessile e industriale in generale chiamato nel secolo scorso la Manchester polacca).

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Mattino di Padova la comunità dei lettori