Innovation for change, soluzioni per un mondo sostenibile

Sono 60 i giovani impegnati nella sesta edizione del programma, il cui obiettivo è concepire innovative per rispondere alle sfide globali che riguardano il nostro Pianeta. Otto partner dell’iniziativa, tra aziende e istituzioni, lanceranno ai partecipanti altrettante sfide ispirate agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (SDG goals)
2 minuti di lettura

I giovani talenti accettano la sfida: trovare soluzioni che rendano il futuro più sostenibile, più equo, più sicuro. Lo fanno in tutto il mondo, nelle università, nelle grandi società, nelle startup cui danno vita. Da oggi 60 di loro ci proveranno sotto la supervisione di tre grandi istituzioni scientifiche: il Collège des Ingénieurs Italia, il Politecnico di Torino e IdeaSquare, il dipartimento di innovazione sperimentale del Cern di Ginevra. Ha infatti preso il via oggi la sesta edizione di Innovation for Change (I4C), il principale programma di impact innovation in Italia, il cui obiettivo è concepire innovative per rispondere alle sfide globali che riguardano il nostro Pianeta.

La formula è ormai consolidata: otto partner dell’iniziativa, tra aziende e istituzioni, lanceranno ai partecipanti altrettante sfide ispirate agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (SDG goals). I partner di questa edizione saranno: AGC, produttore di vetri per edifici e aziende automobilistiche, Arduino, Banca Mediolanum, CNH industrial, Enel, Dsm, azienda specializzata in prodotti di benessere, ministero della Giustizia e Rai Way. Ed ecco le otto sfide lanciare oggi:

- Arduino: Migliorare la nostra vita in casa attraverso l’utilizzo della domotica, rendendola davvero funzionale e accessibile a tutti.

- Enel: Garantire un supporto immediato ed efficace ai propri utenti durante le emergenze, esplorando nuovi possibili canali e reinventando gli strumenti già a disposizione.

- Ministero della Giustizia: Creare un sistema sostenibile che permetta alle oltre 24.000 persone assegnate ai lavori socialmente utili di fornire il proprio aiuto e supporto dove ce n’è più bisogno, creando un sistema virtuoso di reintegro in cui il primo beneficiario è la società tutta.

- Dsm:  Esplorare il potenziale dei microbiomi dell’apparato digerente per migliorare la salute degli animali negli allevamenti.

- Agc: Rendere sostenibili le ristrutturazioni delle facciate delle edifici, esplorando sia nuove soluzioni legate al riutilizzo dei materiali delle facciate già esistenti, sia lo sviluppo di nuove tecniche, strutture e materiali sostenibili pensati per rimodulazioni e riutilizzi futuri.

- Cnh Industrial: Sviluppare idee e soluzioni per migliorare le condizioni fisiche e mentali di dipendenti e utenti e membri dell’ecosistema Cnh (autisti, contadini) e supportarli in maniera attiva durante questa fase di isolamento.
- Rai Way:  Immaginare una TV del futuro, che abiliti le comunità all’accesso semplice e personalizzato ad un vasto numero di servizi alla persona, tramiti servizi interattivi, facili da gestire e integrati nei dispositivi TV presenti in ogni casa.

- Banca Mediolanum: Reinventare la città e gli uffici alla luce delle nuove esigenze, individuare soluzioni per rendere più accessibili alla città le strutture più distanti, in maniera sostenibile e con impatto ridotto sull’ambiente.

Con tali sfide si dovranno cimentare nei prossimi cinque mesi i circa 60 talenti under 30 divisi in team e scelti tra i partecipanti al MBA del Collège des Ingénieurs Italia, tra dottorandi selezionati nei migliori atenei d’Europa, e tra i giovani creativi della Holden, la scuola di narrazione fondata da Alessandro Baricco, che entra per la prima volta quest’anno a far parte del progetto, integrando le competenze manageriali (MBA) e tecnico-scientifiche (dottorandi) con quelle della comunicazione.

A sostenere l’iniziativa, oltre agli otto partner, ci sono Enel Foundation e Fondazione Agnelli.

La speranza è che le soluzioni ideate lascino il segno. Come è già accaduto nelle edizioni precedenti con innovazioni che, concepite nell’ambito di Innovation for Change, hanno poi dato vita a start-up e business sostenibili. E’ il caso di SoundBubble, una cuffia intelligente che permette agli utenti di selezionare i suoni e isolare solamente quelli che si vogliono sentire, nata dalla sfida di ENEL Foundation “migliorare la salute dei lavoratori”. O SpectrumLab, una vernice termocromatica riflettente che cambia il suo colore in base alla temperatura. La vernice è sviluppata per essere applicata alle superfici dei tetti e aumentare l'efficienza energetica degli edifici: se c’è caldo, la vernice assume un colore bianco brillante per riflettere la luce solare e mantenere un clima interno fresco. In inverno invece, la superficie diventa scura, assorbendo i raggi e contribuendo a riscaldare l’edificio. E’ nata nell’edizione 2019 in risposta alla sfida lanciata da Ferrovie dello Stato: “generare valore dai rifiuti”.

Che innovazioni ci aspettano quest’anno? Tempo cinque mesi e lo scopriremo al Cern di Ginevra, dove i giovani talenti presenteranno le loro soluzioni.