Aloe, dal Messico al Salento: il nuovo elisir verde al 100%

La pianta grassa dalle mille risorse e le lunghe foglie impiegata nei prodotti cosmetici e fitoterapici. Un business stimato sui di 1,60 miliardi di dollari nel 2018, che si prevede avrà un tasso di crescita annuo del 7,6% da qui al 2025
2 minuti di lettura
E’ il nuovo elisir 100% verde. Una sorta di cura taumaturgica che, partendo da un semplice vegetale, sembra risolvere ogni problema. Di cosa stiamo parlando? L’aloe vera. Grazie a questa pianta grassa dalle lunghe foglie, antinfiammatoria e cicatrizzante, si aiuta infatti il trattamento del diabete, si curano le malattie della pelle e si rafforzano le difese immunitarie. E così, negli ultimi anni, è un vero boom per tutti i prodotti che la contengono. Specialmente i cosmetici naturali e biologici.

I segreti dell'aloe, elisir verde al 100%


La dimensione del mercato globale dell'estratto di aloe vera è stata valutato di 1,60 miliardi di dollari nel 2018 e si prevede che avrà un tasso di crescita annuo del 7,6% dal 2019 al 2025. Molte aziende stanno investendo in ricerca e sviluppo e lanciando prodotti innovativi per ottenere un vantaggio competitivo. Una delle principali tendenze nel mercato è l’uso di estratti di aloe vera nelle bevande senza zucchero.

I principali mercati? India, Cina e Stati Uniti. Ma soprattutto è coltivata in Messico, Repubblica Dominicana, Sud Africa, Cina e Costa Rica. La lavorazione dell'aloe può essere effettuata nei paesi in via di sviluppo o in Europa: viene però solitamente eseguita nei primi poiché questo aiuta a conservare al meglio le proprietà benefiche. Di più. Cresce la produzione nei paesi europei, come Spagna, Italia e Grecia perché il mediterraneo ha le condizioni adatte per la coltivazione.

Come si passa da pianta ad elisir? Il metodo di lavorazione delle foglie prevede che il succo di aloe vera si ottiene macinando o macerando l'intera foglia, seguita dalla purificazione per rimuovere i composti fenolici presenti nel lattice. La fase di purificazione è di solito eseguita mediante filtrazione a carbone attivo. Per quanto riguarda il metodo di lavorazione della foglia interna il succo si ottiene rimuovendo la scorza esterna, risciacquando o lavando via il lattice e lavorando il materiale rimanente della foglia interna.

Tra i casi più interessanti c’è quello dell’azienda Natural is better nel cuore del Salento. N&B è una società benefit impegnata da più di trenta anni nella produzione e ricerca di soluzioni cosmetiche bio con un fatturato cumulativo di 9,6 milioni di euro e 18 ettari di coltivazioni bio. Quando negli anni ‘90 il fondatore Domenico Scordari decise di piantare aloe in Salento, e più precisamente nella zona che circonda il piccolo paese di Martano, molti rimasero perplessi e arricciarono il naso. Invece oggi l’aloe vera costituisce la base di moltissimi prodotti dell’azienda che sono al 100% green quality concept. "Li realizziamo secondo un tailor-made concep – spiega Scordari – che funziona come per gli abiti dal sarto e ci consente di realizzare per numerose aziende in 57 paesi linee di prodotti personalizzati". Oggi Martano è conosciuta ovunque come "città dell’aloe".

"Inizialmente l’aloe era presente allo stato spontaneo – precisa il fondatore – negli anni si è creato un esempio di collaborazione tra privato e pubblico attraverso la donazione e la piantumazione di oltre 3 mila piante all’interno di tutte le aiuole e parchi della cittadina".

Il sistema qualità N&B è certificato a norma Uni En Iso 9001 e lo standard qualitativo è garantito dalla certificazione Ecosmetica. Nulla è lasciato al caso: "Dopo un briefing iniziale i tecnici del laboratorio iniziano a lavorare sulla formulazione, prendendo in esame qualità, costi e caratteristiche del prodotto per soddisfare le richieste e garantire la sicurezza del prodotto. Una volta approvato, si arriva al prototipo ed è creata una simulazione del prodotto. Prima del lancio definitivo sono messi a punto una serie di processi di controllo per garantire che il prodotto sia sicuro e in linea con il regolamento cosmetico".