Incendi Usa, fumo e polveri mettono a rischio la salute

Le fiamme lambiscono le case a Chino Hills, in California, il 27 ottobre (afp)
Milioni di persone esposte a livelli di inquinamento pericolosi a causa dei roghi, causa di problemi respiratori. All'emergenza ambientale si aggiunge un quadro sanitario allarmante, già sotto pressione per Covid-19
2 minuti di lettura
Gli incendi boschivi lungo la costa ovest degli Sati Uniti sono diventati più intensi e pericolosi a causa del cambiamento climatico, emettendo più di un milione di tonnellate di particelle nel 2012, 2015 e 2017, e quasi altrettanto nel 2018, l'anno in cui un incendio a Paradise, in California, provocò la morte di 85 persone e distrusse 14 mila case. Una coincidenza di eventi meteorologici ha reso il fumo particolarmente intenso quest’anno con i forti venti lungo la costa che hanno fomentato gli incendi i quali, una volta in Oregon, sono stati alimentati dalle condizioni atmosferiche che li hanno ''intrappolati'' al suolo.

Secondo un'analisi dell'Associated Press, milioni di persone sono state esposte a livelli di inquinamento pericolosi a causa dei recenti incendi, provocando un aumento delle visite al pronto soccorso e potenzialmente migliaia di morti tra gli anziani e gli infermi. A peggiorare le cose, il fatto che le complicazioni sanitarie hanno iniziato a insorgere mentre le comunità erano ancora avvolte dalle fiamme. Ciò che rende pericoloso il fumo di questi incendi sono le polveri e nanoparticelle che possono essere respirate e causare problemi respiratori.

L'analisi dell'esposizione al fumo si è basata sui dati raccolti dall'Agenzia per la protezione dell'ambiente degli Stati Uniti attraverso centinaia di stazioni di monitoraggio della qualità dell'aria. I dati del censimento sono stati utilizzati per determinare il numero di persone che vivono nelle aree colpite di Oregon, Washington, California, Idaho e Montana. Almeno 38 milioni di persone vivono in contee soggette a inquinamento considerato malsano per la popolazione con 25 milioni di persone in California, 7 milioni a Washington e 3,5 milioni in Oregon, dove sono stati registrati i più alti livelli di inquinamento di sempre.

Secondo gli esperti, gli incendi lungo la Pacific Coast degli Stati Uniti possono produrre 10 volte più particelle di quelle prodotte da tutte le altre fonti di inquinamento, comprese le emissioni dei veicoli e le strutture industriali, ha affermato Shawn Urbanski, uno scienziato del servizio forestale statunitense che si occupa di incendi.

In un'altra ricerca, scienziati della Stanford University hanno stimato che ben 3 mila persone con più di 65 anni nella sola California sono morte prematuramente dopo essere state esposte al fumo durante un periodo di sei settimane a partire da agosto.  Inoltre, secondo un altro studio dei ricercatori dell'Università di Washington, potrebbero essersi verificate altre centinaia di decessi nello stato di Washington in diverse settimane a causa della scarsa qualità dell’aria dovuta agli incendi.

E, ovviamente, il problema si aggrava quando ricordiamo che siamo nel bel mezzo di una pandemia. "Il coronavirus solleva una serie di preoccupazioni crescenti: un corpo di ricerca emergente collega l'aumento dell'inquinamento atmosferico con maggiori tassi di infezione e gravità dei sintomi" ha affermato Gabriela Goldfarb, responsabile della salute ambientale per la Oregon Health Authority. Gli scienziati che studiano problemi di salute a lungo termine hanno trovato correlazioni tra esposizione al fumo e ridotta funzionalità polmonare, sistema immunitario indebolito e tassi più elevati di influenza. "Il particolato entra nei polmoni, scende in profondità, irriga il rivestimento e forse entra nel flusso sanguigno", ha detto il professore dell'Università del Montana Erin Landguth. "Stiamo vedendone gli effetti."

Gli esperti di clima dicono che i residenti della costa occidentale degli Stati Uniti devono prepararsi ad un aumento del numero e intensità degli incendi associati all’aumento delle temperature e della siccità. In questi giorni, altri incendi si sono sviluppati in Colorado, distruggendo enormi distese di boschi e minacciando tranquille comunità montane. Lo spettro della minaccia degli incendi può estendersi sulla costa est degli stati Uniti secondo diversi modelli, mettendo in ginocchio i due polmoni della nazione. Gli esseri umani non sono forse sempre responsabili dell'innesco dei roghi, ma di sicuro sono capaci di renderli potenti e incontrollabili, espressione della violenza subita dalla Terra.