Amazzonia, è allarme deforestazione: più 300% in un anno

Nuovo allarme dai dati ufficiali: in un mese persi 1700 chilometri quadrati

1 minuti di lettura
Presidio di protesta davanti al consolato brasiliano di Milano contro gli incendi in Amazzonia e le politiche del presidente Bolsonaro (fotogramma)
BRASILIA - La deforestazione nell'Amazzonia brasiliana è cresciuta del 300% ad agosto rispetto allo stesso mese del 2018, e di quasi il 100% nei primi otto mesi del 2019, secondo dati ufficiali: una cifra che porta gli esperti a non escludere che alla fine dell'anno possano superarsi i 10 mila km quadrati di vegetazione rasa al suolo. Secondo l'Istituto nazionale per le ricerche scientifiche (Inpe), legato al ministero di Scienza e Tecnologia, la più grande foresta tropicale del mondo ha perso 1700,8 km quadrati il mese scorso, rispetto ai 526,5 km quadrati di un anno fa.