Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

A4, la giunta punta a chiudere entro l’anno

Vertice a Verona tra Fedriga, Zaia, Rossi e Kompatscher. Il governatore: «Dipende da Bruxelles, ma sono ottimista»

UDINE. Massimiliano Fedriga conclude il suo giovedì “infrastrutturale” con una dose di «moderato ottimismo» per riuscire a portare a termine (positivamente) la partita relativa alla proroga della concessione autostradale sull’A4 «o quantomeno avviare corposamente l’iter della stessa» entro fine anno. Il governatore, infatti, prima incontra a Verona i presidenti di Veneto, Trento e Bolzano e quindi, in serata, partecipa al varo del ponte autostradale di Palmanova con il quale «si compie un ul ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

UDINE. Massimiliano Fedriga conclude il suo giovedì “infrastrutturale” con una dose di «moderato ottimismo» per riuscire a portare a termine (positivamente) la partita relativa alla proroga della concessione autostradale sull’A4 «o quantomeno avviare corposamente l’iter della stessa» entro fine anno. Il governatore, infatti, prima incontra a Verona i presidenti di Veneto, Trento e Bolzano e quindi, in serata, partecipa al varo del ponte autostradale di Palmanova con il quale «si compie un ulteriore passo avanti nella realizzazione della terza corsia».

Il “cuore” della giornata, in ogni caso, va in scena a Verona dove Fedriga si siede attorno a un tavolo assieme a Luca Zaia, Ugo Rossi e Arno Kompatscher per discutere della strategia comune da mettere in campo in Europa. Le due Regioni, e altrettante Province si giocano, a incastro, il destino di Autovie Venete e dell’Autobrennero e, parallelamente, pure il futuro della concessione lungo la Venezia-Trieste e l’A22. «Al di là del punto della situazione – spiega il presidente –, l’incontro ci è servito per cercare di capire quale strada imboccare nei confronti dell’Ue. Certo, ci saranno altri vertici a quattro, ma posso dire di essere soddisfatto e moderatamente ottimista».

Perché, la scorsa settimana, l’assessore alle Infrastrutture Graziano Pizzimenti è ritornato da Bruxelles con, tutto sommato, una sostanziale disponibilità da parte della Commissione europea e perché, politicamente parlando, Fedriga sente di avere dalla sua l’appoggio del Governo. Anche per quanto riguarda l’eventuale necessità di posticipare la dead line stabilita dal ministero per completare la Newco (all’epoca in cui il dicastero era guidato da Graziano Delrio), al 31 dicembre di quest’anno. Pena l’avvio dell’iter di predisposizione della gara pubblica.

Una data fissata attraverso una semplice lettera del ministero e che per Fedriga – assicura – non è vincolante. «Ribadisco la volontà di provare a chiudere la partita entro l’anno – conferma Fedriga –, ma comunque non c’è alcuna scadenza particolare. E abbiamo già ricevuto rassicurazioni dal ministro Danilo Toninelli della concessione, in caso di necessità, di tutto il tempo necessario a completare l’operazione in house». Intanto ieri, dopo quattro giorni di lavoro, è stato inaugurato il nuovo ponte autostradale di Palmanova. Il ponte ha una lunghezza di 120 metri e un peso di 530 tonnellate. La posa della struttura verrà ultimata oggi ed è in corso di svolgimento ad autostrada aperta per ridurre al minimo i disagi al traffico veicolare.