Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

L’impresa veneta non è giovane, per Confartigianato solo una su quattro è under35

La regione con il 25,9% di incidenza è sotto rispetto al 30,8% registrato in Italia. Peggio fa solo il Friuli Venezia Giulia, dove il dato è leggermente più basso 25% del totale sono imprese guidate da giovani

VENEZIA. In Veneto nascono «poche» imprese under 35 rispetto alla media del Paese. La regione con il 25,9% di incidenza è sotto rispetto al 30,8% registrato in Italia. Peggio fa solo il Friuli Venezia Giulia, dove il dato è leggermente più basso 25% del totale sono imprese guidate da giovani. Qui solo una nuova impresa su 4 è guidata da un giovane imprenditore, mentre in Italia è una su tre.

«Vedo il bicchiere mezzo pieno - afferma Agostino Bonomo, Presidente di Confartigianato Imprese Veneto ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

VENEZIA. In Veneto nascono «poche» imprese under 35 rispetto alla media del Paese. La regione con il 25,9% di incidenza è sotto rispetto al 30,8% registrato in Italia. Peggio fa solo il Friuli Venezia Giulia, dove il dato è leggermente più basso 25% del totale sono imprese guidate da giovani. Qui solo una nuova impresa su 4 è guidata da un giovane imprenditore, mentre in Italia è una su tre.

«Vedo il bicchiere mezzo pieno - afferma Agostino Bonomo, Presidente di Confartigianato Imprese Veneto - nel commentare i dati di Info Camere». Il saldo (aprile-giugno 2018) di 1.050 imprese under 35 è un dato più che positivo e, in termini assoluti, il nono in Italia. E sempre in valori assoluti, le 34.477 imprese giovani sono una base importante di lavoro e competenze da accompagnare e sostenere».

Dai dati dell'Osservatorio per le Pmi di Confartigianato Imprese Veneto, sui dati di Unioncamere-Infocamere di giugno 2018, emerge che le attività per edifici e paesaggio, servizi alla persona, ristorazione, servizi agli uffici, attività finanziarie e commercio sono i principali settori nei quali i giovani investono i pochi, risparmi e le tante energie non arrendendosi alle difficoltà del mercato, ad un credito asfittico, alla tanta burocrazia e alla concorrenza sleale, italiana e straniera.

Le realtà under 35 attive in Veneto al 30 giugno di quest'anno, tra tutti i comparti produttivi, sono ben 34.477. Le nuove iscrizioni, nel secondo trimestre, sono risultate 1.710 con un saldo (aperture-chiusure) tra aprile e giugno di 1.050 attività. Nel complesso, il peso dell'imprenditoria giovanile sul totale delle imprese regionali è del 7,1%. Rispetto alla media delle imprese, quelle giovanili scontano però una fragilità maggiore dal punto di vista patrimoniale.

Con riferimento alle imprese costruite in forma di società e con un capitale dichiarato, la quota di imprese under 35 con capitale sociale superiore ai 10mila euro è nettamente inferiore alla media di ognuna delle classi. Quanto alla rappresentatività della società italiana, rispetto alla media generale l'imprenditoria giovanile vede una presenza relativamente maggiore di imprese femminili (il 28,9% contro una media generale del 21,9%) e della componente straniera di provenienza extra UE (il 15,9% contro il 7,7%).