Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Assindustria Venetocentro: così perdiamo 32 mln per infrastrutture

Finco e Piovesana

I presidenti Finco e Piovesana lanciano un appello sul Bando Periferie in previsione della riunione dei Sindaci che si terrà domani, in Veneto si rischia di perdere 150 mln di fondi

TREVISO. Massimo Finco (Presidente Assindustria Venetocentro) e Maria Cristina Piovesana (Presidente Vicario Assindustria Venetocentro) intervengono sul Bando Periferie. «Lo stop ai finanziamenti previsto dal bando Periferie, ci lascia sconcertati. A causa di questo provvedimento vengono, infatti, rinviate al 2020 le risorse destinate ad una serie di progetti urgenti già approvati (alcuni dei quali già in fase di realizzazione) per migliorare aree e infrastrutture delle nostre città. I Comun ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

TREVISO. Massimo Finco (Presidente Assindustria Venetocentro) e Maria Cristina Piovesana (Presidente Vicario Assindustria Venetocentro) intervengono sul Bando Periferie. «Lo stop ai finanziamenti previsto dal bando Periferie, ci lascia sconcertati. A causa di questo provvedimento vengono, infatti, rinviate al 2020 le risorse destinate ad una serie di progetti urgenti già approvati (alcuni dei quali già in fase di realizzazione) per migliorare aree e infrastrutture delle nostre città. I Comuni di Padova e Treviso rischiano di perdere circa 32 milioni di euro di fondi (su un totale di 150 milioni che interessano il Veneto)» affermano in una nota.

«Esprimiamo tutta la preoccupazione delle imprese padovane e trevigiane – continua il comunicato -rispetto a questa decisione. Domani, 14 agosto, i sindaci veneti si riuniranno per confrontarsi e trovare una soluzione. Ci appelliamo a loro affinché facciano fronte comune, superino le divisioni di appartenenza politica e pensino prima di tutto ai cittadini che rappresentano e alle economie del nostro territorio. Agli amministratori locali e ai parlamentari veneti chiediamo di intervenire, in ogni sede opportuna, per sbloccare al più presto queste risorse».