Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Autovie, uno dei sistemi più avanzati in Italia per monitorare le merci pericolose

In tutto 48 telecamere per leggere il passaggio di veicoli che trasportano sostanze infiammabili o rischiose. Un investimento di 1,4 milioni di euro e un sistema attivo dal 2010

UDINE. Ventiquattro postazioni, dotate ciascuna di due telecamere in grado di leggere oltre alla targa del veicolo che porta a bordo merci pericolose, anche i codici delle etichette della sostanza trasportata. E di comunicare questi dati al data base centrale. È il sistema per il monitoraggio delle merci pericolose di cui si è dotata dal 2010 Autovie Venete sulla propria rete autostradale con un investimento di 1 milione e 440 mila euro.

Un sistema fra i più avanzati in Italia, secondo la ste ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti con meter e loggati

Paywall per contenuti senza meter

UDINE. Ventiquattro postazioni, dotate ciascuna di due telecamere in grado di leggere oltre alla targa del veicolo che porta a bordo merci pericolose, anche i codici delle etichette della sostanza trasportata. E di comunicare questi dati al data base centrale. È il sistema per il monitoraggio delle merci pericolose di cui si è dotata dal 2010 Autovie Venete sulla propria rete autostradale con un investimento di 1 milione e 440 mila euro.

Un sistema fra i più avanzati in Italia, secondo la stessa Concessionaria, che permette di individuare e seguire il percorso delle merci pericolose. Il monitoraggio, di fatto, è un network di postazioni di rilevamento che garantisce una copertura capillare della rete autostradale ed è in grado di leggere, contemporaneamente, la targa dei veicoli (sia italiani sia stranieri) e dei codici presenti sulle etichette, associandoli fra loro. In questo modo è possibile sapere quante volte è passato quel veicolo o quella merce e che tragitto ha seguito.

Le informazioni ottenute permettono di determinare l'origine del dato (tratto, varco, corsia utilizzata, data e ora del rilevamento), la merce trasportata, il veicolo (targa e nazionalità) e rappresentano la base per l'elaborazione di statistiche relative alla quantità dei transiti, alla frequenza del passaggio di determinate sostanze, la distribuzione dei transiti nei diversi giorni della settimana e nelle differenti fasce orarie. Il data base, oltre alle informazioni sulla merce, contiene schede informative che riportano le informazioni essenziali quali i fattori di rischio legati a una determinata tipologia di merce, gli adempimenti da adottare in caso di incidenti, le manovre di primo soccorso in caso di contatto o contaminazione, le prescrizioni di sicurezza da seguire in base al livello di pericolosità.