Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Visite guidate gratuite all’Orto Botanico: il 29 giugno si replica

“I tesori dell’Università”: bruciati i posti per il primo tour al tramonto organizzato per i 40 anni del mattino, è in arrivo il bis

PADOVA. Il tour guidato dell’Orto fa il bis: visto il successo dell’ultimo appuntamento del ciclo “I tesori dell’università”, organizzato in occasione del quarant’anni del mattino di Padova in sinergia con l’ateneo, è stata fissata una replica per il 29 giugno.

Visita guidata all'Orto Botanico per i lettori del mattino

La visita guidata sarà l’occasione per conoscere anche i meno noti aspetti architettoni ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADOVA. Il tour guidato dell’Orto fa il bis: visto il successo dell’ultimo appuntamento del ciclo “I tesori dell’università”, organizzato in occasione del quarant’anni del mattino di Padova in sinergia con l’ateneo, è stata fissata una replica per il 29 giugno.

Visita guidata all'Orto Botanico per i lettori del mattino

La visita guidata sarà l’occasione per conoscere anche i meno noti aspetti architettonici, soffermandosi ad esempio sui busti settecenteschi in pietra d’istria: molti ritraggono prefetti dell’Orto, come Prospero Alpini, che fu il quarto in ordine cronologico e contemporaneo di Galileo. Fu anche il primo occidentale a descrivere la pianta del caffè, oggi coltivata all’interno del giardino ed attualmente in piena fioritura.

Un altro prefetto che s’incontra passeggiando è Giulio Pontedera. Nel Settecento era uno strenuo oppositore di Linneo, a cui è dedicato il busto proprio accanto al suo, ma nonostante le divergenze il padre della moderna classificazione degli organismi viventi gli dedicò un genere di piante acquatiche, le “pontederie”.

«Come Università» conclude Carlo Calore, dell'ufficio grandi eventi e amministrazione dell'Orto Botanico «abbiamo risposto con entusiasmo all’invito del mattino: la prima visita ha esaurito le prenotazioni in un’ora e speriamo di ripeter il successo in occasione della seconda data».