Quotidiani locali

Marco Polo, racconto con vista sulla laguna

David Riondino e il gruppo laReverdie allo Squero della Fondazione Cini con una lettura musicata dal “Milione”

VENEZIA. Uno dei viaggi più avvincenti della storia rimane in un libro conosciuto in tutto il mondo, “Il Milione”. E famosissimo è il viaggiatore, Marco Polo.

Dalla lettura di quest’opera è nata l’idea di affidare alla voce narrante di David Riondino la lettura di alcune tappe di questa narrazione e di costruire una sorta di colonna sonora in cui laReverdie dà suono ai temi toccati dal protagonista e narratore: tutto questo si potrà ascoltare in un concerto organizzato in collaborazione con la Fondazione Giorgio Cini onlus di Venezia, il 29 e 30 ottobre.

«Nella descrizione dell’altro, dell’altro mondo e delle altrui usanze e figure, non c’è in Polo nessun sentimento di supremazia, di riduzione alle proprie categorie, se non per quel che serve a rendere comprensibile il racconto» dice David Riondino. «Gli altri sono ancora altri, non dominati dalla propria visione. Polo non si sente né superiore né inferiore all’universo inedito che attraversa. Intrecciando la meraviglia all’indifferenza, il Veneziano sembra instaurare con l’Oriente un rapporto alla pari. Questo rende il racconto leggero e misterioso, e assolutamente udibile oltre le filologiche curiosità. Gran penna, Rustichello da Pisa».

A Rustichello da Pisa, conosciuto nelle prigioni genovesi, Marco Polo affida il resoconto del suo viaggio in un mondo meraviglioso ed esotico descritto con uno stile profondamente medievale.

Come medievale è la musica proveniente da ambiente veneto e francese eseguita da laReverdie, uno dei gruppi italiani specializzati nel repertorio medievale più noti in campo internazionale, che quest’anno festeggia i suoi 30 anni di attività.

«Un nuovo viaggio che laReverdie intraprende con David Riondino in cui, per la prima volta ci confrontiamo e dialoghiamo con la tradizione musicale che proviene dall’Oriente, grazie al contributo del Kamancheh di Rana Shieh e del Tabla di Elena Baldassarri», racconta Claudia Caffagni.

Straordinario anche il luogo che ospiterà la rappresentazione: Marco Polo approderà all’auditorium lo “Squero” sull’Isola di San Giorgio Maggiore, il nuovo spazio per la musica a Venezia. Un’antica officina per la riparazione delle imbarcazioni, la cui costruzione risale alla metà dell’Ottocento e la cui struttura si ispira alla grande architettura veneziana, riprendendo il modello dell’Arsenale. Dall’acustica eccezionale, lo Squero si affaccia direttamente sulla laguna: di fronte alla platea e alle spalle dei musicisti, le pareti di vetro, come quinte naturali, aprono la veduta sulla laguna offrendo allo spettatore la possibilità di vivere l’esperienza di un concerto “a bordo d’acqua”.

Il gruppo laReverdie è formato da Claudia Caffagni, voce, liuto, salterio; Livia Caffagni, voce, viella, flauti; Elisabetta

de Mircovich, voce, viella, ribeca, symphonia, campane e Matteo Zenatti, voce, arpa, percussioni. Con Rana Shieh, kamancheh, zanburak, voce e Elena Baldassarri, tabla, tarang, campane tibetane.

Gli spettacoli sono in programma sabato 29 alle 17.30 e domenica 30 ottobre alle 16.30.

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista