Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

In regia il Guerriero piazza il colpo Scattolin

Il padovano (ex Nardò) è il secondo innesto dopo Chinellato, ora si cerca un lungo o un’ala per completare la squadra 

PADOVA . Sfumato il sogno di ingaggiare Francesco De Nicolao, accasatosi ai cugini della Virtus, il Guerriero ha messo in cabina di regia un giovane playmaker, riportando a Padova il promettente Edoardo Scattolin. Stessa scuola cestistica del fratello mezzano dei De Nicolao (nonché stesso procuratore), il giocatore, classe 1998 di Camposampiero, è cresciuto nelle file del Vigodarzere, dove ha debuttato giovanissimo nei campionati Seniores.

Dalla Serie D della prima squadra del Vigo, è passat ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

PADOVA . Sfumato il sogno di ingaggiare Francesco De Nicolao, accasatosi ai cugini della Virtus, il Guerriero ha messo in cabina di regia un giovane playmaker, riportando a Padova il promettente Edoardo Scattolin. Stessa scuola cestistica del fratello mezzano dei De Nicolao (nonché stesso procuratore), il giocatore, classe 1998 di Camposampiero, è cresciuto nelle file del Vigodarzere, dove ha debuttato giovanissimo nei campionati Seniores.

Dalla Serie D della prima squadra del Vigo, è passato nella stagione 2016-2017 all’Arzignano in C Gold, affrontando proprio l’Unione. Ora, ritrova la categoria con la voglia di essere protagonista, dopo aver militato la scorsa annata a Nardò in Serie B. Scattolin è il secondo innesto nel roster del Guerriero, dopo quello della guardia Eros Chinellato ufficializzato a inizio luglio. «È un play che sa far giocare la squadra e la sua scelta è stata condivisa con il nostro staff tecnico», commenta Ferdinando Mozzo, diesse dell’Ubp, «ringraziamo il suo procuratore Andrea Ricci, che ci ha permesso di avviare e chiudere la trattativa in tempi rapidi. Adesso cercheremo sul mercato un lungo o un’ala per completare l’organico».

Resta vivo l’interesse per il virtussino Marco Lazzaro sul quale tuttavia ha già messo gli occhi anche il Mestre. Gli altri pilastri, destinati a plasmare la nuova formazione del riconfermato coach Christian Augusti, sono il futuro capitano Davide Andreaus e i quattro ragazzi dell’Under 18 Eccellenza, reduci dall’esperienza all’Oxygen Bassano-Ubp: Marco Borsetto, Lorenzo Bovo, Giovanni Ragagnin e Magaye Seck. Domani, alle 18.30, è previsto un pre-raduno al Pala Savio di Mortise, in cui il nuovo gruppo di giocatori avrà modo di conoscersi durante una breve sgambata. Il ritrovo ufficiale è invece fissato per lunedì 27 agosto.

Passando al settore rosa dell’Ubp, ha creato scompiglio la rinuncia della Cadelfa alla B femminile. «Un colpo duro», ammette il vicepresidente Sebastiano Barusco, «Per una carenza di risorse, abbiamo dovuto prendere a malincuore questa decisione». Ma non tutto è perduto.

Liberate le giocatrici e l’allenatrice della prima squadra Michela Voltan, la Cadelfa ha rinnovato il consiglio direttivo: oltre al presidente Valter Cesaron e al vice Barusco, ci sono Clara Selmin, Simonetta Spada, Mauro Rigano, Monica Ferraresi, Stefano Bernardello e Igino Vego Scocco. È poi stato stipulato un importante accordo di collaborazione con la Gattamelata. Sono stati preservati così sia il settore giovanile (dal minibasket all’Under 18), sia l’attività rivolta alle atlete Seniores, suddivisa in due squadre di Serie C e Promozione.

«Questo», precisa Barusco, «è stato soltanto il primo passo con il quale vogliamo coinvolgere anche altre società del territorio, con l’obiettivo di realizzare un polo tutto al femminile nella città di Padova». —

Mattia Rossetto .