Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Spezia-Parma verso l’archiviazione

La presunta combine era stata denunciata da Masi e dal bellunese De Col

LA SPEZIA. Verso l’archiviazione. L’indiscrezione arriva dall’edizione cartacea della Repubblica di ieri, e poi ripresa da vari siti specializzati.

Non dovrebbe avere strascichi di alcun tipo il caso degli sms sospetti prima di Spezia - Parma. Dunque, se le indiscrezioni dovessero venire confermate, verranno evitate conseguenze sportive e disciplinari a carico di tesserati e società gialloblù, dopo alcuni giorni di inevitabili turbolenze.

La sfida del 18 maggio, ricordiamo, valeva per l’ultim ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

LA SPEZIA. Verso l’archiviazione. L’indiscrezione arriva dall’edizione cartacea della Repubblica di ieri, e poi ripresa da vari siti specializzati.

Non dovrebbe avere strascichi di alcun tipo il caso degli sms sospetti prima di Spezia - Parma. Dunque, se le indiscrezioni dovessero venire confermate, verranno evitate conseguenze sportive e disciplinari a carico di tesserati e società gialloblù, dopo alcuni giorni di inevitabili turbolenze.

La sfida del 18 maggio, ricordiamo, valeva per l’ultima giornata del campionato di Serie B e le motivazioni erano parecchio differenti. Da una parte i liguri, già salvi e al tempo stesso fuori da ogni discorso playoff; dall’altra i ducali con ancora vive speranze di Serie A diretta, legate però ad una contemporanea non vittoria del Frosinone contro il Foggia. Risultato finale 2-0 a favore dei ducali, firmato dai gol di Ceravolo e Ciciretti, mentre i ciociari pareggiavano incredibilmente con i pugliesi negli ultimi minuti di gioco, consegnando il secondo posto proprio al Parma.

Fin qui niente di particolare, se non qualche voce maligna nei confronti di Gilardino dello Spezia, grande ex di turno, per il rigore sbagliato in maniera grottesca sullo 0-1. Ma nello scorso fine settimana si era tornati a vivere l’incubo di partite truccate e combine tra giocatori.

Era emerso infatti che la Procura federale, guidata da Giuseppe Pecoraro, aveva messo sotto indagine la sfida, dopo la denuncia da parte del bellunese Filippo De Col, terzino destro bianconero, e del compagno di squadra Alberto Masi, per alcuni sms sospetti ricevuti nei giorni precedenti l’incontro. I mittenti erano due attaccanti del Parma: Emanuele Calaiò e Fabio Ceravolo.

De Col e Masi, infatti, nel dubbio, si erano cautelati perché le squalifiche nei casi di omessa denuncia sono parecchio pesanti. Impossibile non dimenticare i dieci mesi di squalifica, poi ridotti a quattro, inflitti a mister Antonio Conte dopo non aver segnalato la combine di Albinoleffe - Siena del 29 maggio 2011. Oppure gli oltre tre mesi scontati a suo tempo dal centrocampista di Santa Giustina Bellunese Alessandro Gazzi, reo di mancata denuncia dei presunti accordi in merito alle partite Salernitana - Bari e Bari - Treviso. Calaiò e Ceravolo sono stati sentiti ancora venerdì e, per quanto la loro sia stata una leggerezza, nessun segnale di successiva combine è stato captato dalla Procura.

Caso quindi che si avvia alla chiusura. Per Filippo De Col, alpagoto classe 1993 da tre stagioni e mezzo in Liguria, non ci sarebbero comunque state conseguenze particolari. E adesso anche lui potrà, dopo giorni di inevitabile tempesta mediatica, far parlare di nuovo solamente il campo.

©RIPRODUZIONE RISERVATA