Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui
Esci

Con l’Alta Padovana Tour è un sabato da sprinter

Ciclismo. Si corre a Cittadella lungo un inedito anello di 20 chilometri la prima tappa del “Città Murata”, al via in 180 e ci sono tutti gli squadroni dell’Under 23

CITTADELLA. Con l’Alta Padovana Tour di Cittadella prende il via oggi, ore 13.30, il Trofeo internazionale Grand Prix Città Murata. La prima prova del circuito per la categoria Under 23-Elite, promossa dal Veloce Club Tombolo, propone un’interessante novità: partenza e arrivo fissati allo stadio Tombolato di Cittadella, in virtù anche dell’ormai consolidato gemellaggio tra la società di calcio orogranata e il sodalizio ciclistico presieduto da Amedeo Pilotto. Rispetto al passato, che preved ...

Paywall per contenuti con meter e NON loggati

Paywall per contenuti senza meter

CITTADELLA. Con l’Alta Padovana Tour di Cittadella prende il via oggi, ore 13.30, il Trofeo internazionale Grand Prix Città Murata. La prima prova del circuito per la categoria Under 23-Elite, promossa dal Veloce Club Tombolo, propone un’interessante novità: partenza e arrivo fissati allo stadio Tombolato di Cittadella, in virtù anche dell’ormai consolidato gemellaggio tra la società di calcio orogranata e il sodalizio ciclistico presieduto da Amedeo Pilotto. Rispetto al passato, che prevedeva un primo giro lungo di 20 km nell’intero territorio dell’Alta Padovana e un’altra decina più corti, la gara si svilupperà lungo un unico percorso ridotto e compatto. La 17esima edizione della corsa segna infatti una piccola svolta, con un circuito inedito da ripetere 20 volte per complessivi 140 km. L’intento è quello di rendere il tracciato più “appetibile” e aderente a una classica sprint per aumentare il grado di spettacolarità e permettere al pubblico di assistere alle numerose tornate della carovana (media 45 km/h con transito “tabellato” ogni 9’20”). L’anello si snoderà in tratti extraurbani di lunghi rettilinei (circonvallazione Sp 47 e Ss-Sr 53) favorendo forti “trenate” e segmenti urbani-cittadini misti con curve-controcurve, aperti a varie soluzioni, come indicato dal prestigioso lotto di vincitori e podi nei vari traguardi volanti di Cittadella, Galliera Veneta e Tombolo (nel 2009 vinse Elia Viviani).

Con questa nuova “formula”, l’Alta Padovana Tour onorerà anche il Giro d’Italia ripercorrendo a distanza di 10 anni alcune strade della storica tappa della corsa rosa del 2008 e dei “Circuiti degli assi” a memoria del quadriennio 1970-1973. Alla competizione sono iscritti 180 corridori di 25 dei maggiori team, tra cui il cittadellese Moreno Marchetti, Filippo Stocco di San Giorgio in Bosco, Elia Menegale e Tommaso Bonaldo di San Martino di Lupari, e il tombolano Daniele Beghetto, nipote del grande Beppe. Favorita d’obbligo anche quest’anno è la castellana Zalf Euromobil Désirée Fior.

Mattia Rossetto