Quotidiani locali

rugby

Bergamasco si “reinventa” giocatore: ora è un Ranger

Mirco, 35 anni, torna in una squadra a 15 italiana: il Vicenza in Serie A. «Una scelta ponderata a lungo, voglio aiutare a far crescere il club biancorosso»

PADOVA. Non finisce di stupire, Mirco Bergamasco. Alla soglia dei 35 anni, dopo essere diventato internazionale anche nella Rugby League (a 13), l'ex azzurro torna a giocare a 15 in un club di Serie A.

Venerdì i Rangers Vicenza hanno annunciato l'ingaggio fino al termine della stagione del noto campione padovano, che nel corso di una lunga, prestigiosa e multiforme carriera ha vestito per 89 la maglia dell'Italia, segnando un totale di 256 punti e ben 17 mete, che ne fanno il miglior realizzatore di marcature pesanti in attività. Dal debutto in massima serie con il Petrarca a 18 anni, il più giovane dei fratelli Bergamasco vanta tre partecipazioni alla Rugby World Cup (2003, 2007, 2011), due scudetti di Francia con lo Stade Français (2004 e 2007) e una partecipazione alla Rugby League World Cup, nello scorso autunno, dopo essere passato anche da Racing Parigi, Rovigo, Zebre e Sacramento Kings, nel Pro Rugby statunitense.

Per il club berico, impegnato nel girone 3 di Serie A, è un colpo di prestigio, al di là del merito agonistico. Pur essendo già condannato alla Poule Salvezza (per altro senza rischio retrocessioni, in quanto bloccate dalla Fir per quest'anno), il Vicenza potrà godere di un chiaro ritorno d'immagine e avvalersi dell'enorme esperienza dell'utility back padovano per stimolare l'ambiente ed alzare il tasso tecnico della prima squadra e del vivaio. Mirco ha già sostenuto i primi allenamenti in biancorosso e domani sarà in campo nella sfida con il Valpolicella, per l'ultimo turno della prima fase.

Lunedì invece sarà presentato ufficialmente, nella club house della Rugby Arena di Vicenza. L’ingaggio rientra in una collaborazione più ampia che coinvolge in qualità di sponsor la Rangers Servizi di Vigilanza, società del vice presidente Luigi Battistolli, che da tempo era in contatto con Bergamasco attraverso il direttore tecnico Fabio Coppo.

«Coppo mi ha presentato Battistolli già qualche mese fa: un incontro determinante nella scelta di venire a Vicenza», ha raccontato Bergamasco, «Sono rientrato dalla Coppa del mondo di Rugby League disputata in Australia a fine novembre e da dicembre sono libero da tutti i contratti. È stata una scelta a lungo riflettuta,

motivata dalla passione per il rugby e dalla volontà di contribuire alla crescita del club. Al momento sto scoprendo la società, lo staff e i miei compagni di squadra e non vedo l’ora che sia domenica per poter disputare la prima partita in biancorosso».


 

I COMMENTI DEI LETTORI


Lascia un commento

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik