Quotidiani locali

Petrarca in Europa, dentro o fuori

Rugby. Ultima giornata dei gironi di Continental Shield, al “Geremia” alle 15 i tuttoneri devono vincere e... aspettare

PADOVA. A distanza di due settimane dalla sfida vinta di misura in campionato, il Petrarca ritrova il Viadana. Questa volta si gioca per la Continental Shield e sarà il classico “dentro o fuori”, con calcio d'inizio alle 15 al Centro Geremia (arbitro Piardi di Brescia). Entrambe hanno 6 punti in classifica nei rispettivi gironi, ma mentre il XV di Padova è terzo nel gruppo B a ridosso di Batumi (8 punti) e Calvisano (7), i mantovani sono ultimi nel gruppo A dietro Timisoara Saracens (13 punti), Rovigo (11) e Heidelberger Rk (8). Oltre a dover vincere, per superare il turno i tuttoneri conteranno su un passo falso delle rivali, impegnate in casa con avversari temibili e motivati: i georgiani se la vedranno con i forti romeni di Timisoara, non ancora matematicamente qualificati, mentre i campioni d'Italia ospiteranno un Rovigo intenzionato a difendere il suo secondo posto. In quanto a probabilità di passaggio, va detto subito, il Viadana è appeso a un filo molto più sottile. La squadra di Frati deve vincere facendo il bonus, sperare in una pesante sconfitta dei rossoblù a Calvisano e nel contemporaneo scivolone dell'Heidelberger in Portogallo. Una configurazione difficile ma non impossibile, e proprio per questo il Petrarca dovrà guardarsi dalla voglia di riscatto del Viadana.

I tecnici Marcato e Allori ritrovano per l'occasione Bacchin, che farà coppia con Bettin al centro della linea dei trequarti. In mediana probabile staffetta, con Francescato titolare e Su'a pronto in panchina. Gli avversari sono invece alle prese con l'infermeria piena: fuori per infortuni vari Grigolon, Moreschi, Ormson, Pavan, Garfagnoli, Delnevo, Ferro e Wagenpfeil, oltre alle assenze forzate dei piloni Brandolini, squalificato, e Novindi, per problemi di lavoro. «Contro Viadana sarà una partita molto dura come quella di due settimane fa», avverte Andrea Marcato, «Dopo la vittoria con Batumi hanno tanto entusiasmo e verrano alla Guizza per dimostrare la qualità del lavoro svolto. Noi vogliamo rialzare la testa dopo la sconfitta in Germania, gettandoci alle spalle la prestazione calante della scorsa settimana per ritrovare subito entusiasmo e il focus nelle singole fasi del gioco. I punti forti di Viadana sono l’intensità fisica, il “drive” e l’intraprendenza di giocatori come Finco e Rojas. In settimana abbiamo lavorato per saper gestire le varie situazioni che incontreremo, con la priorità di fare alla perfezione le cose semplici».

Queste le formazioni annunciate dai club. Petrarca: Riera; Capraro, Bettin, Bacchin, Rossi; Menniti-Ippolito, Francescato; Nostran, Conforti, Lamaro; Saccardo (cap.), Cannone; Vannozzi, Marchetto, Scarsini. A disposizione: Delfino, Braggiè, Acosta, Trotta,
Su’a, Rizzi, Benettin, Gerosa. Viadana: Spinelli; Manganiello, Finco, Tizzi, O’Keeffe; Rojas, Gregorio; Gelati, Anello, Andrea Denti (cap.); Orlandi, Chiappini; Antonio Denti, Silva, Bergonzini. A disposizione: Ceciliani, Breglia, Ribaldi, Caila, Bonfiglio, Bacchi, Biondelli, Menon.

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PERCORSI

Guida al fumetto: da Dylan Dog a Diabolik