Quotidiani locali

Kioene, a Civitanova non arriva l’impresa ma la prestazione c’è

Sfiorato il colpaccio in casa dei campioni d’Italia della Lube I padovani rafforzano il loro quinto posto in classifica

CIVITANOVA MARCHE (Macerata). La vittoria non è arrivata, la prestazione invece sì. Eccome. Alzi la mano chi si sarebbe aspettato che la Kioene sfiorasse il colpaccio in casa dei campioni d’Italia della Lube Civitanova, arrivando persino a guadagnarsi un match point con Polo sul 13-14 del tie break. L’impresa si è fermata lì, senza completarsi, ma vale comunque la pena di usare questa parola, specie alla luce della sconfortante prova offerta appena sei giorni prima con la ben più abbordabile Revivre Milano.

Prendere o lasciare, Padova in questa stagione è così, discontinua e vittima di amnesie, ma anche talentuosa e sfrontata. Il punto guadagnato in casa di Juantorena (inizialmente lasciato in panca, ma poi mandato in campo a raddrizzare l’incontro) e compagni consente alla truppa bianconera di rafforzare il quinto posto in Superlega, in attesa che si completi il turno di oggi. Conta poco, a questo punto della stagione.

Quello che contava era la reazione dopo il ko con i meneghini e c’è stata, come sottolinea anche Valerio Baldovin: «È stata una partita combattuta e sofferta. Abbiamo giocato molto bene a livello generale. Peccato, perché per quanto visto in campo probabilmente avremmo meritato di più. Sono molto orgoglioso di come hanno giocato i ragazzi».

Travica ha saputo innescare al meglio i propri compagni, sfruttando in particolare i centrali Polo e Volpato (73% e 88% in attacco per loro, con il primo autore del punto che ha regalato il momentaneo 1-1 ai bianconeri), ritrovando Nelli (23 punti con il 53% offensivo) e confermando la costante crescita di Cirovic, mentre Randazzo è stato costretto a restare ai box nel quinto set per un risentimento muscolare al polpaccio, che già da un paio di parziali gli dava noie.

Appassionante, in particolare, la quarta frazione, con la Kioene che si porta sul 18-20 con Cirovic, quando entra in campo Juantorena. Nelli, a quel punto, firma lo strappo che porta gli ospiti sul 20-24, la Lube torna sotto sino al 24 pari e Cirovic, ai vantaggi, manda tutti al tie break. E qui Travica e compagni accarezzano il sogno del colpaccio: ancora un dirompente Cirovic trova l’11-13 e Padova va al match ball con Polo sul 13-14. Sokolov, Sander e Juantorena inanellano, tuttavia, tre colpi di classe, con l’ace di quest’ultimo che chiude il match sul 16-14.

Le altre gare del turno: Castellana Grotte-Sora 2-3 (giocata venerdì); oggi, ore 18: Piacenza-Monza, Modena-Ravenna,
Vibo Valentia-Trento, Latina-Perugia, Milano-Verona. La classifica: Civitanova 31, Perugia 27, Modena 24, Ravenna 20, Kioene Padova 17, Piacenza 16, Verona e Milano 15, Trento 14, Latina 12, Monza 9, Vibo Valentia 8, Castellana Grotte 5, Sora 3.

Diego Zilio

TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

PER GLI SCRITTORI UN'OPPORTUNITA' IN PIU'

La novità: vendi il tuo libro su Amazon