Quotidiani locali

Calcio. Lucioni (Benevento) sentito dalla procura antidoping

ROMA. «Ho spiegato come sono andati i fatti, mi sono attenuto a quello che è successo. Non ho inventato storie». Sono le prime parole di Fabio Lucioni (nella foto) che ieri è stato sentito a Roma...

ROMA. «Ho spiegato come sono andati i fatti, mi sono attenuto a quello che è successo. Non ho inventato storie». Sono le prime parole di Fabio Lucioni (nella foto) che ieri è stato sentito a Roma dalla procura antidoping. Il difensore del Benevento è parso sereno, «Ringrazio la società che mi sta dando supporto morale e mi sta mettendo a disposizione tutto quello che può. Mi auguro che tutto si risolva presto non vedo l’ora di poter dare una mano alla squadra, che in questo momento ne ha bisogno». Ad accompagnare Lucioni davanti alla procura antidoping il legale Saverio Sticchi Damiani. «La strategia della difesa? Stiamo parlando della applicazione di uno spray cicatrizzante per una escoriazione alla gamba avvenuta direttamente da parte del medico sociale. Questa è la vicenda, davvero è una beffa quella che sta subendo Lucioni. I precedenti in casi del genere?
Non sono del tutto coincidenti, a volte erano casi di assunzioni avvenute in autonomia, mentre qui il ragazzo si è affidato alle cure dello staff» . La procura potrebbe ora convocare proprio il medico del Benevento. Lucioni sta scontando una sospensione cautelare di 60 giorni» .


TrovaRistorante

a Padova Tutti i ristoranti »

Il mio libro

CLASSICI E NUOVI LIBRI DA SCOPRIRE

Libri da leggere, a ciascuno la sua lista